Donadoni, confessioni al veleno sul Milan: “ecco perché non mi hanno scelto come allenatore”

Donadoni LaPresse/Massimo Paolone

Parole al veleno di Roberto Donadoni contro la sua ex squadra: “ecco perché non sono l’allenatore del Milan”. Duro attacco ai rossoneri

Donadoni

LaPresse/Studio Creating – Emili

Milan, Donadoni a veleno – Una bordata al veleno, l’ennesima contro quella che è stata la sua ex squadra da calciatore. Nel corso di un’intervista alla Gazzetta dello Sport, Roberto Donadoni – attuale allenatore del Bologna – torna a parlare di rossoneri e le sue non sono di certo parole dolci: “Perché il Milan non ha mai pensato a me? Si vede che il Milan non mi ha mai ritenuto all’altezza o ha pensato che altri fossero meglio di me. La chiusura dell’era Berlusconi cosa mi ha lasciato dentro? Il pensiero che si sta invecchiando. E non è piacevole. Il lavoro di Sarri può essere paragonabile a Sacchi? Ci sono cose in cui si avvicinano. Hanno avuto entrambi illuminazioni importanti”.

LaPresse/Mauro Locatelli

Milan, Donadoni a veleno – Donadoni poi prosegue: “Cosa mi porto dentro delle esperienze da giocatore a New York e in Arabia Saudita? Tutto. A New York ho capito che nel calcio ci si poteva anche divertire. Al Milan c’erano troppe pressioni, in America ho riscoperto il gusto del gioco. Mi portavo la roba a casa e la lavavo, era un altro mondo e ci stavo bene. Presi casa nel New Jersey per comodità e per non essere circondato dal cemento. Vivevo Manhattan da turista. Ecco, se tornassi indietro resterei lì a giocare rifiutando la proposta del Milan anche se poi rientrando vinsi lo scudetto con Zaccheroni. In Arabia ho vissuto situazioni che non avrei potuto capire dai racconti altrui”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery