Tracollo Milan al Marassi, Zapata-Alvarez: è festa Sampdoria

LaPresse/Tano Pecoraro

Crollo verticale del Milan al Marassi: la Sampdoria domina e vince 2-0 con le reti di Zapata e Alvarez

LaPresse/Tano Pecoraro

Sampdoria-Milan, il commento – Una bella e organizzata Sampdoria ha sconfitto, per 2-0, un disordinato Milan. Al “Ferraris” di Genova, nel lunch match della sesta giornata della serie A, hanno deciso la sfida Duvan Zapata e Ricky Alvarez. Successo meritato per i liguri; da rivedere il team rossonero, che espone ancora il cartello “lavori in corso”. Nei padroni di casa, con la rosa al completo a eccezione di Viviano, Marco Giampaolo ha puntato sul consueto modulo 4-3-1-2, inserendo in avvio Bereszynski, Silvestre, Ferrari e Strinic a protezione di Puggioni; Barreto, Torreira e Praet nella zona nevralgica; con Ramirez a sostegno del duo offensivo composto da Duvan Zapata e Quagliarella. Ingresso in campo nel finale per Alvarez, che ha impiegato soltanto 23″ per siglare il 2-0 e chiudere la partita. Negli ospiti, privi degli indisponibili Conti, Antonelli, Calabria e Montolivo, Vincenzo Montella ha riproposto il 3-5-2, schierando dal primo minuto Cristian Zapata, Bonucci e Romagnoli davanti a Gigio Donnarumma; Abate, Kessie, Biglia, Bonaventura e Rodriguez lungo la linea mediana; con Suso e Kalinic nel reparto offensivo. In scena nella ripresa Calhanoglu, Borini e Cutrone; relegati in panchina invece Musacchio e Andre’ Silva.

LaPresse/Tano Pecoraro

Sampdoria-Milan, il commento – A inizio gara VAR protagonista: al 2′ Strinic ha crossato da sinistra e Kessie ha toccato la palla col braccio in area di rigore. L’arbitro Valeri ha inizialmente decretato il penalty in favore dei liguri; a seguire (nel giro di meno di un minuto) ha rivisto le immagini e ha cambiato la sua decisione (giustamente), perché il rossonero aveva l’arto superiore lungo il corpo. Al 17′, poi, Duvan Zapata ha mancato la sfera di testa da due passi, sugli sviluppi di un corner. Venti minuti dopo lo stesso attaccante ex Napoli e’ scappato via bene, sfruttando un brutto retropassaggio di Kessie, ma giunto davanti a Gigio Donnarumma ha cincischiato troppo, concludendo debolmente. Nel finale del primo tempo hanno mancato di poco il bersaglio da fuori area prima Ramirez (al 41′, con una deviazione di Romagnoli) e poi Torreira (al 43′). Nel recupero, infine, Puggioni è uscito bene sui piedi di Rodriguez, sventando sul nascere il primo timido squillo dei rossoneri. Musica simile nella ripresa, caratterizzata dalle due reti dei liguri. Al 25′, su un buon cross da sinistra di Rodriguez, Kalinic ha sparato la sfera alle stelle da buona posizione. Due minuti più tardi l’attaccante ex Napoli ha sbloccato il risultato: su un lancio lungo dei doriani Cristian Zapata ha rinviato malissimo di testa, “pescando” l’omonimo della Samp, bravo a battere Donnarumma con una botta violenta da breve distanza. Nel recupero Alvarez, appena entrato al posto di Praet, ha sfruttato l’ennesimo errore di Cristian Zapata e ha castigato l’incolpevole Donnarumma con un bel diagonale mancino. Partita archiviata: festa al “Ferraris”, processo in casa Milan. (ITALPRESS).

FotoGallery