MotoGp – Valentino Rossi, sorpreso da se stesso, ammette: ”l’ultima volta ero stato in grado di andare in bagno dopo 5 giorni, adesso invece…”

Valentino Rossi e la prima fila di Aragon nonostante la frattura alla gamba: le parole del pesarese nella conferenza stampa post qualifiche

Valentino Rossi non smette mai di stupire. Il campione di Tavullia ha conquistato una sorprendente prima fila nelle qualifiche del Gp di Aragon di oggi pomeriggio, a soli 23 giorni dalla frattura di tibia e perone, che si è procurato durante un allenamento in enduro, e che lo ha costretto a sottoporsi ad un intervento chirurgico.

E’ una grande sorpresa anche per me, non sapevo cosa potermi aspettare, una settimana fa ho iniziato a pensare che forse era possibile gareggiare qua, ho fatto qualche giro con la R1 e ho capito di poter guidare anche se con molto dolore, ho avuto fortuna perchè la gamba è migliorata di giorno in giorno, venerdì quando ho guidato la prima volta la M1 mi sono sentito a mio agio anche per la posizione in moto che sulla M1 è più comoda per la mia stazza. Ieri sul bagnato non mi sono sentito troppo male, ma già stamattina mi sono sentito bene, ho guidato con dolore ma non troppo, la posizione in moto non è perfetta ma abbastanza vicina a quella normale“, ha dichiarato il pesarese.

LaPresse/EFE

Abbiamo lavorato molto bene anche col team, mi sono sentito bene in moto e sono riuscito a fare un buon giro, partire dalla prima fila più importante, domani sarà molto importante anche, dobbiamo ancora capire e lavorare perchè con la gomma da gara il mio passo non è fantastico, cercheremo di migliorare domani. venerdì mattina quando mi sono svegliato avevo un po’ di dolore, stamattina ero già in condizioni migliori, se continuerà così e domani riuscirò a fare un lavoro diverso sarà positivo. La gara è più difficili per tutti, dovrò soffrire ma ci proverò”, ha continuato Rossi.

LaPresse/EFE

Devi provarci passo dopo passo, cercare di migliorare giro dopo giro sessione dopo sessione anche a livello di assetto della moto, bisogna cercare di prendere un po’ di margine x non commettere errori, ma mi sento a mio agio e quando guido non sono al massimo ma non sento troppo dolore quindi va bene così, sicuramente la giornata più difficile sarà domani perchè la gara è difficile già in condizioni normali, ma ci proveremo. Nella mia carriera è successo in realtà tante volte, dipende da quanto dolore senti quando guidi, a volte avevo infortuni più piccoli come ad una mano o un dito ma sono peggiori nel guidare una moto, anche l’ultima volta nel 2010 sono tornato in moto ed ero in condizioni peggiori rispetto ad ora, bisogna solo cercare di mantenere la concentrazione il più possibile, cercare di fare sempre le stesse cose durante il weekend, perchè bisogna cercare di lavorare molto per arrivare pronti in gara“, ha aggiunto il campione di Tavullia.

LaPresse/EFE

Purtroppo era successo già un’altra volta, avevo l’esperienza e un riferimento, l’ultima volta ero stato in grado di andare in bagno dopo 5 giorni, ma questa volta ce l’ho fatta anche solo dopo un giorno, ho capito che potevo farcela, ero rimasto in ospedale una settimana ora solo due giorni. E’ come un tempo sul giro se sei in vantaggio nel t1 cerchi di spingere anche nel t2 per fare un tempo migliore“, ha concluso.

FotoGallery