MotoGp – Lorenzo insoddisfatto, tutta la sincerità di Jorge a Misano: ”non è stata una gran giornata”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Sensazioni non positive quelle di Jorge Lorenzo nella prima giornata di prove a Misano

E’ iniziato in modo positivo per i piloti del Ducati Team il weekend di gara del GP di San Marino e della Riviera di Rimini. Al termine della prima giornata di prove, che vede Danilo Petrucci in prima posizione con la Desmosedici GP del Pramac Racing Team, Andrea Dovizioso si è classificato al terzo posto con il tempo di 1’33”294 e il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo ha chiuso ottavo in 1’33”614. Buona anche la prova di Michele Pirro, pilota collaudatore del Ducati Test Team in gara come wild card a Misano, che ha terminato in settima posizione con il crono di 1’33”591.

LaPresse/Alessandro La Rocca

E’ stata una giornata piuttosto difficile perchè, con la pioggia caduta questa notte, le condizioni della pista sono cambiate molto e manca soprattutto grip rispetto al test di tre settimane fa. Spero che la pista migliori domani, ma in ogni caso dobbiamo lavorare sodo per adattare la moto alle nuove condizioni”, ha dichiarato Jorge Lorenzo come riportato dai canali ufficiali Ducati.

LaPresse/Alessandro La Rocca

Non è stata una gran giornata, perché sono stati tutti un po’ più lenti rispetto ai test. Sicuramente quello che abbiamo realizzato in quelle prove non è la cosa migliore per questo condizioni, con meno grip. Faccio fatica ad essere veloce e a fermare la moto. Un buon ritmo per la gara è l’1’32” alto, ma oggi non ci siamo arrivati. Abbiamo provato anche a fare qualche esperimento per migliorare la moto in uscita di curva. Nei test ero stato molto competitivo. Ma oggi ho fatto fatica. Se riuscirò ad avvicinarmi ai tempi che ho fatto nel test, sarò più vicino anche ai migliori“, ha aggiunto il maiorchino come riportato da Motorsport.com.

LaPresse/Alessandro La Rocca

A poco a poco abbiamo capito quali sono le cose più adatte al mio stile, come la nuova carena. Tutte quelle piccole cose che mi stanno aiutando a sentirmi molto di più a mio agio. Guardo tutti i piloti Ducati, ma sicuramente Bautista è quello che mi assomiglia di più come stile. Sto ancora imparando molto su questa moto. Dovizioso ha cinque anni di esperienza e io sette mesi. Ma è un processo a due direzione. L’adattamento mio e della Ducati vanno più o meno alla stessa velocità“, ha concluso il ducatista.

FotoGallery