MotoGp – Da Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box: “Valentino? Bisogna leccare culi per avvicinarlo”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Andrea Dovizioso parla della sua leadership mondiale nel campionato di MotoGp, il pilota della Ducati confessa ai curiosi utenti dei social il suo rapporto con Valentino Rossi, Andrea Iannone, Jorge Lorenzo e non solo…

Da Valentino Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box – Un’intervista fatta dalle domande degli utenti di Facebook, Andrea Dovizioso leader della classifica piloti della MotoGp (assieme a Marc Marquez) ha risposto alle domande dei suoi fan. Una diretta della pagina ufficiale della Gazzetta dello Sport ha infatti visto protagonista il motociclista italiano autore fino ad oggi di una stagione fenomenale nel Motomondiale.

LaPresse/Alessandro La Rocca

Da Valentino Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box – Con il terzo posto di Misano archiviato e con in testa l’appuntamento di Aragon, Andrea Dovizioso si è confessato ai tifosi durante la diretta. “Se vinco il titolo non ci ho pensato a quale fioretto fare – dice Andrea rispondendo ad una domanda apparsa tra i commenti Facebook della diretta –  a Misano c’erano tifosi che mi dicevano che devo vincere ma siamo totalmente dentro al campionato che non ci penso. Siamo in lotta ma ce n’è da fare. Non lo so su quale pista sarò favorito, le gomme la fanno da padrone, non puoi fare pronostici. In molte piste in cui abbiamo faticato siamo stati bravi, credo che possiamo essere competitivi fino alla fine. Marquez e la Honda e Maverick e la Yamaha possono essere forti come noi, speriamo non più di noi”.

Da Valentino Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box – “Io sono molto tranquillo, – ha continuato il pilota rispondendo alla domanda propostagli sul quello che è accaduto tra lui e Marquez in Austria con il ‘vaffa’ riservato dal ducatista al pilota spagnolo –  non sono uno che cerca di avere problemi nella vita e neanche con gli avversari. Non mi metto di traverso, ho un buon rapporto con Marc, con Maverick e con Valentino. È importante avere un buon rapporto nella vita con tutti, sportività e rispetto, è fondamentale!”. “Fa piacere essere importante, – ha proseguito affermando questo Andrea – quest’anno nel vincere le gare ho notato l’emozione che ho trasmesso ai tifosi che mi mancava, è uno dei motivi per cui ti alleni e per cui fai fatica”.

LaPresse/EFE

Da Valentino Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box – Non ho troppo rapporto con Valentino Rossi, ma non perchè non c’è qualcosa che non va tra di noi, ma perchè Valentino è diventato così tanto importante nel mondo che si è dovuto isolare. – ha confessato il pilota sul pilota più amato del paddock Valentino Rossi con certo dispiacere – Si è fatto il suo gruppo. È l’unico modo di vivere per lui, è il migliore per lui. La gente intorno fa fatica ad avvicinarsi, per avvicinarti dovresti leccare il culo! È un peccato, abbiamo un sacco di punti in comune. Vedo molta passione in quello che fa, voglia di divertirsi in un certo modo uguale al mio”.

Da Valentino Rossi a Iannone, Dovizioso sincero sui suoi ‘amici’ nei box – “Fino ad oggi sicuramente non ci sono problemi con Jorge ha il suo carattere, pregi e difetti che non mi toccano. – ha detto poi Dovizioso parlando del team Ducati che si è rinnovato con l’ingresso quest’anno del motociclista maiorchino al posto dell’italiano Andrea Iannone Io faccio il mio lavoro e non voglio essere influenzato”.

Sul rapporto non proprio idilliaco con Andrea Iannone dei tempi di ‘convivenza’ nello stesso box, poi Dovizioso si è sbilanciato dicendo: “gli anni con Iannone non sono stati rilassanti, meglio Jorge. Non vado tanto in moto per strada sei condizionato troppo dagli altri e non hai tutto sto potere. Sicuramente guido più razionalmente, come nel mio casco cavallo nero cavallo bianco, uso la testa e non è facile lasciarti andare, ma se lavori bene capisci quando puoi lasciarti andare. – ha proseguito – A Misano non ero in condizioni di lottare ho rischiato di cadere mille volte ed ho deciso di portare 16 punti a casa. Non ho avuto il braccino. Su se stessi c’è sempre da migliorare e l’ho dimostrato, c’è sempre la possibilità di migliorare anche la moto. C’è un evoluzione continua, se vinci una gara non le vinci sempre tutte. Tutti lavorano costantemente è un continuo adattarsi alla moto. – suoi fan infine ha concluso ammettendo -Fa sempre piacere tanta gente che ti segue da quando facevi le mini moto a Forlì, non avrei mai pensato che sarei potuto arrivare al massimo livello”.  

FotoGallery