“Così la ‘ndrangheta controlla la curva della Juventus”: clamorosa sentenza nel processo Alto Piemonte

LaPresse/Daniele Badolato

Dalle carte dell’inchiesta del processo Alto Piemonte emergono verità clamorose: “la ‘ndrangheta controlla la curva della Juventus e il club bianconero è intimidito dalle pressioni dei boss”

LaPresse/Fabio Ferrari

Juventus-‘Ndrangheta, nuovo clamoroso scenario –  Continua a fare rumore l’inchiesta relativa alle infiltrazioni della ‘ndrangheta nella curva della Juventus, le carte della sentenza del processo Alto Piemonte porta infatti a galla nuova clamorose verità. “La ‘ndrangheta si è di fatto imposta nel tifo organizzato esercitando un vero e proprio controllo dei gruppi che supportano la Juventus”, si legge nella sentenza. E’ quanto scrive il tribunale di Torino nella sentenza del processo Alto Piemonte, che ha riguardato, fra i suoi vari aspetti, i rapporti fra boss e i legami con la curva bianconera. Nella sentenza – dove si legge anche della condanna dell’imputato Rocco Dominello a sette anni e nove mesi di carcere – si entra nello specifico della gestione dei biglietti della Juventus che “è formalmente riferibile ai gruppi del tifo organizzato, i quali, pur esercitando una rilevante forza intimidatoria nei confronti della società, agiscono tuttavia sotto il diretto controllo”.

FotoGallery