Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella: “Scott Redding mi ha aiutato, Vinales invece…”

Kiara Fontanesi parla del suo (fantastico) quinto titolo mondiale vinto sul filo del rasoio, ecco come la campionessa del mondo commenta la sua stagione in moto cross e non solo…

Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella – In gara non son riuscita a fare i calcoli, ero troppo impegnata a stare in equilibrio. Non avevo nemmeno ben capito in che posizione fossi arrivata. Nell’intervista tv, in inglese, mi hanno fatto i complimenti. “Ho vinto la gara?” ho chiesto. “No, hai vinto il Mondiale!”. Così Kiara Fontanesi commenta il suo quinto titolo mondiale. “Il più meritato di tutti. Per quanto ho lavorato, – prosegue come riporta Gazzetta dello Sport – per come sono stata costante e precisa per tutto l’anno. Non avevo mai voluto così tanto un risultato. Sono persino andata in over training: la mia testa andava oltre il fisico”.

Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella – “Il più bello dopo il primo. – precisa – Ho dimostrato a me stessa e a tutti che ci sono ancora. Però non sono contenta di come l’ho conquistato. Per come ero preparata non dico che avrei dovuto vincere tutte le manche ma quasi. Non mi trovavo. In un anno mi sono divertita e sono riuscita veramente a fare quello che so fare sì e no tre volte”.

Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella  – Sulla rottura con Vinales poi Kiara ammette di non essere rimasta in buoni rapporti con il pilota della Yamaha: “non esattamente. Diciamo che non ci sono rapporti. Anche se io non avrei problemi. Nel paddock della MotoGP capiterà di incrociarci ancora…”. “Ci ha fatti incontrare un’amica comune, in Italia. – ha detto la campionessa italiana parlando del nuovo fidanzato Scott Redding Io per un po’ avevo schivato la cosa, non ne volevo sapere di un altro pilota. Adesso posso dire che non smetterò mai di ringraziare quell’amica. Scott è venuto a vivere qui a Parma. Siamo tutti e due piloti, ci capiamo e mi è di grande aiuto anche in moto. Mi dà consigli utili, sulla guida, sulle traiettorie. Seguendoli mi sono resa conto che in pista faccio meno strada. Prima dell’ultimo GP mi ha ripetuto all’infinito che dovevo continuare a crederci. Io ero spaventata dal fango. Ho fatto tutta la gara con le sue parole in testa “E’ meglio per te che non ti pianti. Se tu sei in difficoltà le altre lo saranno più di te”.

Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella – Sulla gara contro gli uomini in MX2 ha poi svelato: “mi è piaciuto molto. Ho sempre voluto farlo. La cosa più bella è stata il commento di un avversario: «Bisogna avere due palle così». Vorrei riprovarci, penso che potrei anche far meglio”. Sul suo record di titoli mondiali poi dice: “non mi rendo conto. Faccio fatica a immaginare cosa significhi: è la cosa brutta di chi vive in prima persona cose così… belle”. 

Il quinto titolo mondiale e l’amore, Kiara Fontanesi racconta la vittoria più bella – Ho sempre pensato che il quinto titolo sarebbe stato una chiusura. – prosegue la FontanesiChe avrei potuto lasciare da campionessa per fare quello che non riesco a fare. Voglio provare lo snowboard cross. Il mio sogno è fare una gara di Coppa del Mondo. So che ovunque vada dopo due giorni sono la più veloce di tutti. E sono convinta che, dopo che hai guidato al massimo una moto da cross, puoi fare qualsiasi cosa. Io guido moto da strada, anche in pista, mi lancio col paracadute, prima o poi proverò seriamente lo snowboard cross. Per come è andata quest’anno, per come la Yamaha crede in me, per il fatto che nel 2018 ci saranno due GP in Italia, ho pensato di andare avanti. E a dir la verità non vedo l’ora”. 

FotoGallery