F1, la Honda punge la McLaren: “non si adattano al cambiamento, quel team è come… la cucina francese”

LaPresse/Photo4

Il boss della Honda ha parlato del rapporto con la McLaren, sottolineando i motivi che hanno portato al divorzio

Matrimonio finito, divorzio ufficializzato e nuova avventura che, tra sei gare, potrà cominciare. L’idillio tra McLaren e Honda è finito da un po’, ben prima che le parti lo ufficializzassero durante il Gp di Singapore, quando i comunicati hanno reso noto ciò che il paddock sapeva già da un po’.

LaPresse/Photo4

Il prossimo capitolo per la Casa giapponese si chiama Toro Rosso, un’avventura che in primis il boss Yamamoto non vede l’ora di iniziare: “lavorando con McLaren ho realizzato che sono una grande compagnia, che è anche molto sistematica. Per questo motivo è sempre stata molto forte e competitiva, ma allo stesso tempo possono trovare difficoltà ad adattarsi al cambiamento” le parole di Masashi Yamamoto riportate da Motorsport.com. “La Toro Rosso, invece, è una realtà che sta crescendo. E’ molto importante per noi lavorare assieme verso il medesimo obiettivo. Quindi siamo impazienti di iniziare a lavorare con loro. Se confrontiamo le squadre e pensiamo a loro come due stili di cucina, direi che la McLaren è una cucina francese molto sofisticata.

LaPresse/Photo4

Toro Rosso assomiglia a una cucina di campagna, stufato fatto in casa, dove si possono aggiungere nuovi ingredienti. Siamo entusiasti di farlo. Il signor Franz Tost conosce bene il Giappone. Capisce la nostra cultura e abbiamo una buona comunicazione. Abbiamo visto che hanno un’impresa giovane e stanno crescendo. Questo per noi è molto importante perché possiamo lavorare con la stessa mentalità e avere il medesimo approccio. Tuttavia è importante che fino al termine della stagione tra Honda e McLaren vi sia una buona comunicazione per fare buone prestazioni nelle rimanenti gare della stagione. Vogliamo mostrare le potenzialità di Honda. Per noi questo è molto importante. Vogliamo che il mondo veda come possiamo progredire e come possiamo farlo con successo.

FotoGallery