Vuelta di Spagna: Nibali attacca e infiamma la corsa, Roche beffa tutti in discesa. Ecco la nuova classifica generale

Vuelta di Spagna, ecco la nuova classifica generale dopo la durissima tappa di oggi: Nibali attacca da lontano, Roche recupera tempo prezioso su tutti gli altri big

Grande spettacolo nella 10ª tappa della Vuelta di Spagna grazie allo Squalo dello Stretto, Vincenzo Nibali, e ai ragazzi della sua squadra, il Team Bahrain Merida. Sotto la pioggia del Sud del Paese Iberico, Nibali ha deciso di fare dura la corsa: una media oraria di oltre 52km/h nelle prime due ore e un arrivo in anticipo di quasi 30 minuti rispetto alla tabella di marcia più veloce prevista dagli organizzatori. Gli uomini di Nibali non hanno fatto andar via una fuga finchè non sono riusciti ad inserire due corridori dentro (Agnoli e Novak), poi con Antonio Nibali, Visconti e Pellizzotti hanno sgretolato il gruppo sull’ultima salita di giornata, dove Nibali ha attaccato nell’ultimo chilometro prima dello scollinamento, ad oltre 24km dal traguardo. Lo Squalo s’è buttato all’attacco in picchiata in discesa, arrivando a guadagnare 10” su Chaves e Froome e oltre 15” sugli altri uomini di classifica, ma poi è stato raggiunto da tutti gli altri. La beffa è arrivata in contrattacco dall’irlandese Nicolas Roche, che alla fine sul traguardo è stato l’unico a fare il vuoto guadagnando 29” su tutti gli altri.

Anche oggi in difficoltà lo spagnolo De La Cruz e il russo Zakarin, che però alla fine sono riusciti a recuperare sugli altri big. La classifica, al netto di Roche che raggiunge Chaves al secondo posto, rimane invariata. Ma Nibali anche oggi ha dimostrato di essere in gran forma: sarà lui il più pericoloso rivale di Chris Froome per la vittoria finale.

Le fatiche di oggi si faranno senza ombra di dubbio sentire nella durissima tappa di domani, con l’arrivo a 2.120 metri di quota dell’Observatorio Astronómico de Calar Alto, dopo 188km di gara e il precedente scollinamento dell’Alto de Velefique (13.2km all’8,6% di pendenza media). Poi discesa in picchiata prima dell’erta finale, lunga ma non troppo dura (15.5km al 5,9% di pendenza media, e una rampa al 15% nell’ultimo chilometro). E ancora una volta ci sarà forte maltempo, con piogge intense lungo tutto il percorso. Nibali e i suoi certamente renderanno la corsa ancora una volta molto dura sin dall’inizio, per tentare di mettere in difficoltà Froome e gli altri big.

Ecco la nuova classifica generale con cui si ripartirà domani mattina da Lorca:

FotoGallery