Vuelta di Spagna, Gianni Moscon svela il rapporto con Froome: “Chris ti rende tutto più semplice”

Gianni Moscon sta disputando una perfetta Vuelta di Spagna. Il ciclista del Team Sky svela il rapporto con Chris Froome

Gianni Moscon sta dimostrando ancora una volta il suo valore. Alla Vuelta di Spagna la maglia tricolore a cronometro ha frazionato il gruppo dei migliori nell’ultima salita a Ermita Santa Lucía e andato più forte di Chris Froome. Il ciclista del team Sky ha realizzato un enorme salto di qualità in quest’annata e sicuramente per il futuro sarà un grande protagonista sia nelle classiche che nelle corse a tappe.

Gianni Moscon ha un compito preciso: proteggere Chris Froome e chiudere tutti gli attacchi dei suoi avversari. Il trentino ha raccontato la sua prestazione realizzata in queste tappe della Vuelta di Spagna: “buona, finora. Però si prospetta molta fatica anche perché è molto dispendioso il nostro modo di correre. Anche se non devi tirare, ma sei in terza o quarta posizione, fai più fatica che in gruppo. E mancano 15 tappe vere alla fine – ha dichiarato Moscon come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Vedremo tra due settimane. Per me il compito anche stavolta era più facile, dovevo fare 500 metri di salita meno di lui. Quando lui entra in azione io mi posso rialzare”.

Gianni Moscon è al debutto in un grande giro, anche se da come corre non sembra. Il ciclista del team Sky non ha mai faticato e mai andato in crisi ed è sempre stato a contatto con Froome. Il trentino ha spiegato quali sono le difficoltà psichiche in corsa: “rimanere concentrati. E poi gestire la pressione. Ognuno di noi ha un obiettivo e non lo può fallire anche per non mettere in difficoltà la squadra. Serve molta autostima – ha proseguito -. Ogni giorno imparo qualcosa. Correre con un obiettivo chiaro ti fa crescere. In una squadra piccola, sarebbe stato molto diverso. Chris rende tutto più semplice e ti dà una carica enorme”.

Il mondiale di Bergen è alle porte. Il circuito norvegese è molto ostico, ma Gianni Moscon ha primeggiato in queste terre (l’anno scorso ha vinto la classifica generale dell’Arctic Race of Norway, ndr) fredde e ostiche. Davide Cassani deve scegliere i corridori per questa importante corsa e Moscon probabilmente sarà uno degli uomini di maggior riferimento. Il ciclista del Team Sky ha detto: “al 24 settembre manca ancora molto tempo. Resto concentrato sulla Vuelta. Non sarebbe giusto pensarci ora: prima devo fare bene — anzi, molto bene — qui“, ha concluso.

 

FotoGallery