Tennis – Nadal e quel paragone con gli altri big: “mi spiace per loro, ma o ho saltato i tornei importanti più volte di tutti”

LaPresse/Reuters

Rafa Nadal e gli acciacchi dei suoi avversari: lo spagnolo dispiaciuto ma consapevole di aver dovuto affrontare periodi ben più difficili di quelli dei suoi avversari

Tutto fermo nella notte italiana a Cincinnati. La pioggia non ha permesso a Rafa Nadal di scendere in campo per il terzo turno del Western & Southern Open, Masters 1000 sui campi in cemento di Cincinnati, in Ohio. Lo spagnolo è pronto ad affrontare Ramos, ma è ancor più pronto a tornare nuovamente in vetta alla classifica mondiale Atp. Un traguardo che non influenza sicuramente il gioco di Nadal in questo torno: “se sapere già di essere numero uno può condizionarmi? No, questo non cambia i miei obiettivi che sono prima Cincinnati e poi gli US Open. Per me tornare in vetta dopo tutto quello che è successo dall’ultima volta che sono stato in quella posizione è qualcosa di molto importante e difficile. Ho lavorato tanto per darmi un’altra possibilità“, ha dichiarato dopo l’esordio contro Gasquet.

LaPresse/Xinhua

Impossibile per lo spagnolo non parlare dell’assenza degli altri big, dei forfait di alcuni e della stagione finita di altri: “negli ultimi 20 anni il calendario non è mai cambiato e la maggior parte di noi ha più di 30 anni. Non abbiamo più 20 anni e può succedere. Ti dirò una cosa, mi sono trovato in situazioni simili più volte rispetto ai giocatori che sono fuori ora. Fa parte dello sport, so quanto sia difficile. Sono molto dispiaciuto e auguro a tutti loro di recuperare bene e velocemente. Ma allo stesso tempo dico che Roger non ha avuto molti infortuni durante la sua carriera. Stessa cosa per Andy, Stan e Novak. Io ho saltato i tornei importanti più volte di tutti”.

FotoGallery