Tennis, Maria Sharapova esce allo scoperto: “ho pensato di ritirarmi, ma non c’entra il doping”

Maria Sharapova ha rivelato nel corso di un’intervista di aver pensato al ritiro dopo un evento particolarmente duro da mandare giù

Obiettivo fissato, Maria Sharapova ha deciso di voler arrivare alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Nonostante la squalifica di 15 mesi dovuta alla positività al meldonium, la bella siberiana non ha nessuna intenzione di appendere la racchetta al chiodo, pur avendoci pensato a lungo dopo la finale degli Australian Open, persa senza appello. Da quel momento in poi tutto è cambiato, adesso Masha ha voglia di tornare a stupire e, soprattutto, a vincere.

LaPresse/Alfredo Falcone

“Gioco a livello professionistico da un’età molto giovane, e ci sono dei momenti nella vita in cui vuoi sentirti una persona normale – le parole di Maria Sharapova riportate da TennisWorldItalia – vuoi essere lì per vedere gli amici o la famiglia quando hanno bisogno di te e non quando puoi. In quel match avevo dato tutto, ma era arrivata lo stesso una sconfitta. Poi ho pensato: ‘Perché rovinare tutto per aver perso una partita?” In quel periodo di carriera ho pensato di smettere. Ho molte altre passioni fuori dal campo, e nonostante il tennis abbia rappresentato il fulcro della mia vita per 30 anni, essendo donna, puoi fare ancora molto altro. Avevo 28 anni e in quel momento non avrei mai pensato di giocare dopo le Olimpiadi di Rio“.

LaPresse/Alfredo Falcone

Adesso però è tutto diverso: “ciò che mi spinge a giocare ora è molto diverso rispetto al passato. Quando stai fuori per tanto tempo da qualcosa, capisci cosa ti manca davvero e perché. Ci sono molte cose nel tennis che non sperimento nelle altre attività della vita. Gioco per la competizione, per le vittorie che servono a riparare il sostegno che mi ha dato il mio team ogni giorno”.

FotoGallery