Nuoto, effettuata l’autopsia sul corpo di Mattia Dall’Aglio: svelata la causa del decesso

Sono stati resi noti nella serata di ieri i risultati dell’autopsia a cui è stato sottoposto il corpo di Mattia Dall’Aglio: ecco la causa del suo decesso

Comincia quantomeno a diradarsi l’alone di mistero intorno alla morte di Mattia Dall’Aglio, nuotatore 24enne deceduto durante un normale allenamento in palestra. L’autopsia effettuata sul corpo del giovane atleta ha chiarito i motivi della morte, svelando come sia stato un arresto cardiocircolatorio a stroncare Mattia.

I medici del Policlinico di Modena, tuttavia, non sono ancora riusciti a determinare la causa del malore, per questo motivo il cuore del nuotatore verrà analizzato presso un istituto specializzato di Padova per verificare la presenza di patologie cardiache non ravvisate dalle visite medico sportive alle quali si era sottoposto con regolarità in questi anni. Intanto, proseguono le indagini portate avanti dalla Procura di Modena che, tramite il procuratore capo Lucia Musti, ha disposto un’analisi approfondita sui liquidi biologici per escludere un’eventuale assunzione di farmaci che avrebbero potuto portare all’arresto cardiaco. Da accertare resta ancora l’ora del decesso, da individuare nel lasso di tempo tra le 14.45 (ora in cui Mattia è arrivato in palestra) e le 17 (orario di ritrovamento del corpo). Per quanto riguarda i funerali, infine, verranno celebrati domani a Reggio Emilia, città in cui Mattia Dall’Aglio viveva. Dietro consenso dei genitori, lo sfortunato nuotatore indosserà la divisa del Vigili del Fuoco di Modena, con la cuffia della nazionale e con quegli occhialini con cui stava cercando di costruire i propri sogni.

FotoGallery