MotoGp – Valentino Rossi “il somaro” non si fida di Marquez: “non mi sorprenderei se ci avesse fatto sfilare tutti”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Valentino Rossi e l’approfondita analisi della gara di oggi a Brno: il Dottore tra furbi e somari dopo il quarto posto nel Gp della Repubblica Ceca

Gara, come previsto, flag to flag, oggi a Brno. Una strepitosa doppietta Honda riapre il mondiale 2017 di MotoGp. Marc Marquez ha trionfato d’astuzia, spiazzando tutti e facendo per primo il cambio moto. Hanno aspettato di più i suoi colleghi, alcuni forse troppo, e questa scelta probabilmente è stata per loro fatale. La gara di Brno parla spagnolo, con Pedrosa e Vinales sul podio. Ottima rimonta comunque di Valentino Rossi, che riesce a metterci una pezza e conquistare un quarto posto che limita i danni.

Sorridente, tra rammarico e un pizzico di soddisfazione, il Dottore, sempre pronto a scherzare con i suoi amici giornalisti di Sky: “questa volta sono contento perchè la responsabilità non è tutta mia, a sto giro ce la dividiamo. Avevamo deciso col box che loro da lì avrebbero controllato i section di Marquez o comunque di chi si fosse fermato prima, per darmi il box sulla lavagna, perchè non è il mio miglior pregio capire quando fermarsi, ma non so perchè hanno aspettato un giro di troppo per darmi la tabella e quindi ho fatto un giro in più, un giro sono dieci secondi e quindi ho perso dieci secondi. Se mi fossi fermato il giro dopo Marquez come hanno fatto Pedrosa e Vinales avrei potuto lottare per il podio“, ha dichiarato Rossi tra una battuta e l’altra sui baffi di Sanchini e la barba di Guido Meda.

LaPresse/EXPA

Strategia a prescindere si fanno fatica a farne perchè cambiano molte cose, Marquez è il più furbo di tutti, non mi sorprenderei se ci avesse fatto sfilare tutti per non farsi vedere, secondo me l’avevano deciso prima, sono furbi“, ha aggiunto il Dottore prima di ammettere che in Yamaha si è ancora un pizzico indietro per quanto riguarda il dashboard: “ancora non siamo pronti, ci avrebbe aiutati un sacco“.

LaPresse/EFE

E’ stato comunque un passo avanti, in queste gare di solito faccio dall’8 al 10 oggi ho fatto quarto, è stata comunque una bella gara, un bel weekend mi dispiace un sacco non essere arrivato sul podio per i punti in campionato, ma sono stato molto veloce, sia sull’asciutto che su bagnato, siamo stati sfortunati e somari, bastava fermarsi un giro prima. Rimane un po’ di amarezza per un podio sfumato che era alla mia portata, ma anche una bella gara, sempre davanti, mi sono trovato bene sulla moto, dobbiamo diventare un po’ più furbi ecco“, ha continuato il campione di Tavullia.

LaPresse/EFE

E’ stata una gara bella, quando mi sono fermato e ho visto che anche Dovi era con me ho detto dai stavolta non ho tardato tanto, ma poi nel rientrare ai box mi hanno superato tutti, ma lì è stata bella, avevo un buon passo e un buon feeling. Ho fatto tanti sorpassi, è stata dura con Petrux e anche con Cal che andava forte, alla fine quarto è stato meglio di quinto. Bisogna riguardarla tutta la gara, imparare, stiamo migliorando, quindi prima della fine della carriera un podio ce la facciamo così“, ha detto ancora Rossi, prima di un ultimo commento in ottica campionato: “siamo tutti attaccati, sono riuscito a stare davanti Dovi e mettere Cal nel mezzo e ho recuperato un po’, peccato non aver recuperato Vinales, il problema è perderne da Marquez e Pedrosa, ma settimana prossima vedremo. Dobbiamo lavorare tanto ancora, ma sono stato veloce, ho fatto il giro veloce a tre giri dalla fine, quindi non ero male, se fosse stato asciutto sarei stato competitivo per il podio“.

FotoGallery