F1, nuvoloni neri si addensano sulla Ferrari: ecco la previsione che fa tremare il team di Maranello

LaPresse/Photo4

Pochi giorni ancora di vacanza e poi si tornerà a fare sul serio in Formula 1, il futuro però non promette bene per la Ferrari

Manca ormai davvero pochissimo alla riaccensione dei motori, il paddock di Formula 1 torna piano piano a riempirsi in vista della ripresa delle attività, prevista per il week-end del 27 agosto.

Photo4

In fabbrica già si lavora duro per farsi trovare pronti per il Gp di Spa, appuntamento che metterà nuovamente di fronte Mercedes e Ferrari dopo il trionfo rosso di Budapest. Un confronto, quello tra questi due top team, che va oltre il duello tra Hamilton e Vettel e coinvolge due filosofie alquanto differenti l’una dall’altra. Il team di Maranello infatti punta tutto sul carico aerodinamico, la Mercedes invece sulla massima efficienza. I risultati di questa stagione sostengono questa testi, visti i trionfi del Cavallino a Monaco e Budapest (tracciati dove il carico aerodinamico risulta determinante ed il drag costa poco) e della MercedesSilverstone e Barcellona.

LaPresse/Photo4

Ciò che preoccupa dunque gli uomini in rosso sono le caratteristiche delle gare rimaste in calendario, dove spiccano più circuiti d’efficienza piuttosto che quelli che premiamo il carico aerodinamico. A parte Singapore, dove la Ferrari dovrebbe dominare, ci si chiede come si comporterà la SF70-H in circuiti tipo SPA, Sepang, Suzuka e Austin, dove l’efficienza supera il carico aerodinamico. Toccherà a Mattia Binotto trovare una soluzione e spazzare via quei nuvoloni neri che iniziano ad addensarsi sulla testa degli uomini in rosso.

FotoGallery