Doping – Sara Errani e quel ‘maledetto’ piatto di tortellini: la testimonianza della madre è incredibile!

LaPresse/Reuters

Sara Errani respinge le accuse di doping e contrattacca: il problema sarebbe in un piatto di tortellini ‘contaminato’

Lunedì nero per il tennis italiano. Il mondo della racchetta tricolore si è svegliato con una pessima notizia: Sara Errani è stata trovata positiva all’antidoping. Il controllo risale ai primi mesi del 2017, precisamente fuori dalle competizioni in data 16 febbraio 2017. La Errani è risultata positiva al ‘letrozolo’, sostanza considerata dopante, ma che viene utilizzata anche come farmaco per il cancro al seno in quanto riduce gli estrogeni e dunque ostacola la formazione delle cellule tumorali.

A tal proposito, in una lettera su Twitter, ‘Sarita’ ha chiarito come quella sostanza sia presente in un medicinale che la madre assume a scopo terapeutico e che probabilmente si finito a contatto con il cibo che mangia tutti i giorni. Stando a quanto riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’, proprio la madre della tennista avrebbe avvolatorato questa tesi: la donna ha parlato di alcune pillole che le sarebbero cadute per errore vicino a dove prepara da mangiare e forse proprio nei giorni incriminati (14 e 15 febbraio) la sostanza è finita a contatto con i tortellini in brodo preparati per la famiglia. Un piatto di tortellini che rischia di macchiare una carriera…

FotoGallery