Doping – Clamoroso! Squalifica Sara Errani insufficiente? La Nado Italia pronta a ricorrere al TAS per inasprire la pena

LaPresse/Mourad Balti Touati

La Nado Italia ha intenzione di presentare ricorso al TAS per richiedere un’inasprimento della squalifica di Sara Errani, ritenuta troppo ‘leggera’

Incredibile quanto sta succedendo nelle ultime ore. Sara Errani ritorna sotto i riflettori dei media in seguito ad una nuova pagina legata alla squalifica per doping. Alla Nado Italia (Agenzia nazionale antidoping) è sembrata troppo leggera la squalifica di 2 mesi inflitta alla Errani per la positività al letrozolo. Stando a quanto riportato da ‘Il Corriere della Sera’ a Nado, struttura autonoma rispetto all’organigramma del CONI e del tutto dipendente dalla WADA, ha deciso dunque di fare ricorso al TAS per chiedere l’inasprimento della pena. L’udienza verrà calendarizzata tra 3 e 6 mesi, non appena ricevuta la richiesta di appello.

La decisione della NADO è per certi versi comprensibile, visto che circa un anno fa, la prima sezione del TNA (il tribunale nazionale istituito da CONI) aveva condannato il canottiere Niccolò Mornati a 4 anni di stop per essere risultato positivo all’anastrozolo, una sostanza che la WADA associa in tutto e per tutto al letrozolo. La Errani dovrà dunque ripresentarsi davanti al TAS per provare ancora una volta la totale involontarietà dell’assunzione del FEMARA, farmaco antitumorale utilizzato dalla madre.

FotoGallery