Donnarumma, ti stavano distruggendo! “Milan, così ho vissuto i giorni del mancato rinnovo”

Donnarumma LaPresse/Spada Donnarumma

Il portiere del Milan Donnarumma torna a parlare dei momenti difficili legati al mancato rinnovo. Giorni davvero di sofferenza

Donnarumma

LaPresse/Spada

Milan, confessioni Donnarumma – Una lieto fine arrivato dopo settimane infuocate. Donnarumma (consigliato da Raiola) non rinnova con il Milan, la contestazione dei tifosi rossoneri sempre più rumorosa, l’offerta del PSG, i ricatti di Raiola. Giorni che hanno turbato Donnarumma, con il portiere del Milan che oggi racconta così quei momenti nel corso do un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport: “in quei giorni io cercavo sempre di rimanere tranquillo, di non pensare  alle voci. Sinceramente per un ragazzo di diciotto anni è un po’ difficile. Lo è stato anche per la mia famiglia perché siamo persone tranquille, educate. Per questo ci faceva male sentire tutto quel rumore. C’era una gran confusione sui social, un gran frastuono”.

Donnarumma, Italia

Donnarumma, Italia

Milan, confessioni Donnarumma – Donnarumma prosegue: “però io cercavo sempre di rimanere tranquillo, di restare il ragazzo che ero. Ci tenevo a non perdere il sorriso. Mi hanno fatto male, non posso negarlo. Ma mi sono difeso restando me stesso. Sorriso e tranquillità. Sinceramente in quel periodo si leggeva di tutto sui giornali, ed era tutto negativo. Non me ne fregava niente, facevo scivolare addosso quel veleno. Volevo essere tranquillo. E lo sono rimasto. Tutti i colleghi mi sono rimasti vicini, perché capiscono le difficoltà di un professionista nel calcio moderno. Tutti sono stati consapevoli che per un ragazzo di diciotto anni non è una cosa normale avere quelle difficoltà. Mi sono stati tutti vicini, i miei colleghi. Di questo li ringrazio”, ha concluso il portiere del Milan.

FotoGallery