Conferenza stampa Sara Errani – La tennista attacca: “odio social e ironia sulla malattia di mia madre, ecco di chi è la colpa”

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

  • LaPresse/Mourad Balti Touati

    LaPresse/Mourad Balti Touati

/

Durante la conferenza stampa di quest’oggi, Sara Errani ha parlato anche dell’odio, degli insulti e della facile ironia scaturita sui social in merito alla notizia della sua sospensione

Conferenza stampa Sara Errani: l’odio dei social – Durante la conferenza stampa di oggi, Sara Errani ha voluto chiarire una volta per tutte la sua posizione in merito alle accuse di doping. Dopo aver sottolineato l’involontarietà dell’assunzione di una dose minima di letrozolo, venuta a contatto con del cibo, la tennista ha parlato dell’odio dei social nei suoi confronti e della facile ironia verso sua madre che, attraverso un farmaco contenente per l’appunto il letrozolo, cura una seria malattia.

Conferenza stampa Sara Errani: l’odio dei social –  “Continuo a pensare che in parte, la colpa di tutto questo (l’odio dei social, ndr), sia dovuta alla disinformazione. – ha spiegato la tennista – Il fatto che siano uscite notizie false non ha realmente spiegato alla gente come sono i fatti. La gente parla senza sapere, senza essere informata. Oltre questo non so spiegarmi il perché di tanta cattiveria. Mi dà tanta tristezza, gli insulti e la cattiveria sono di cattivo gusto sia per me che per una donna che da più di 10 anni lotta contro una cosa seria (la madre, ndr). È un tema delicato, non penso sia divertente farci ironia e scherzarci su”.

FotoGallery