Tour de France, ora si fa sul serio: ecco i pronostici di SportFair della 17ª tappa [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/REUTERS

    LaPresse/REUTERS

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • Credits: Trek Segafredo

    Credits: Trek Segafredo

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

/

La 17ª tappa del Tour de France è da paura grazie alle salite sul Col de la Croix de Fer, Col du Télégraphe e Col du Galibier. Ecco pronostici di SportFair per la frazione odierna

La diciassettesima tappa del Tour de France metterà i big con le spalle al muro. La carovana in giallo salirà sul Col de la Croix de Fer, Col du Télégraphe e Col du Galibier. La tappa partirà da La Mure e terminerà a Serre Chevalier e saranno 183 chilometri di pura passione. La prima salita di giornata sarà il Col d’Oron, 5.1 chilometri con pendenze media al 6,7% per un GPM di seconda categoria. Dopodiché ci sarà una discesa di 10 chilometri e un tratto di percorso pianeggiante per poi salire sul Col de la Croix (24 chilometri con pendenza medie del 5,7%, tre tratti al 10%).

Queste due salite saranno solo l’assaggio di questo primo tappone. La seconda parte prevede il Col du Télégraphe (7.1 chilometri con pendenza del 7%) e soprattutto il temibile Col du Galibier. Qui i corridori saliranno per 17.7 chilometri con pendenze del 6,9%, ma con gli ultimi 6 km circa al 9%. La 17ª tappa si conclude con 28 km di discesa.

I Favoriti

Fabio Aru e Chris Froome sono i favori di giornata. L’italiano e il britannico si giocano il primo match ball per la maglia gialla. Attenzione però anche a Landa (se non sarà fermato ancora dal team Sky) ottimo nelle ultime giornate e a Rigoberto Uran della Cannondale Drapac. Più staccato Romain Bardet dell’Ag2R La Mondiale. Chi potrebbe però far saltare il banco è Nairo Quintana della Movistar oramai fuori dai giochi per la classifica generale. Occhio anche ad Alberto Contador della Trek Segafredo voglioso di vincere una prestigiosa tappa.

Outsider

Daniel Martin della Quick Step Floors, Simon Yates della Orica Scott, Damiano Caruso della BMC e Louis Meintjes della UAE Team Emirates.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery