Tour de France, la tattica di Tsgabu Grmay è stata studiata a tavolino: ecco i dettagli

LaPresse/Reuters

Tsgabu Grmay, ciclista della Bahrain Merida, ha riprodotto alla perfezione la strategia per la 15ª tappa del Tour de France

Laissac-Sévérac L’Église ha ospitato il Tour de France per la prima volta nella sua storia. Le caratteristiche principali della quindicesima tappa sono state due salite (Montée de Naves d’Aubrac 28,5 km e Côte de Vieuarls  43,5 km), nella prima parte e poi uno sprint intermedio a Saint Alban Sur Limagnole (96 km). Nella seconda parte ci sono state due salite importanti: Col de Peyre Taillade, 158 km e Côte De Saint Vidal. Il tempo era soleggiato e chiaro con un po ‘di sensazione fredda e un vento di 14,5 NE. Buone condizioni per un’altra tappa emozionante di domenica a Tour de France.

I ciclisti del Team Pro Cycling Team di Bahrain Merida hanno avuto una strategia molto chiara per andare in alcune fasce. Philippe Mauduit, il direttore sportivo, ha detto nella riunione sul bus: i ragazzi, chiunque possa correre in una fuga potrebbe arrivare molto lontano.”

Tsgabu Grmay è stato quello che ovviamente ha capito molto bene quei pensieri e ha giocato un ruolo importante nella fase di ieri. È andato in una fuga di cinque piloti che hanno unito un gruppo di 24 più dopo la seconda salita. A Côte De Saint Vidal, la salita finale, Bauke Mollema (TFS) ha deciso molto chiaramente per un solista e si è staccato dal gruppo di 29 ciclisti e ha preso la prima vittoria di Tour de France davanti a Diego Ulissi (UAD) e Tony Gallopin (LTS ).

Christopher Froome (SKY) mantiene la maglia gialla con il vantaggio di 18 secondi da Fabio Aru (AST) e 23 secondi da Romain Bardet (AG2R).

Tsgabu Grmay commentò presto, ma con molta soddisfazione: è stata una dura giornata per me. Sono andato dal chilometro zero in fuga.È stata una grande sfida e ho fatto il mio meglio”

FotoGallery