Tour de France – Bufera doping su Poljanski, il dottore spiega perché il ciclista ha delle gambe così poco ‘umane’

Instagram @p.polianski

Poljanski mostra le sue gambe dopo la 16ª tappa del Tour de France, la polemica doping lo travolge: ‘ha le gambe in quel modo perchè si dopa’, la risposta del medico specialista

Tour de France, bufera doping su Poljanski – “Dopo 16 tappe sembrano un po’ stanche“, così Pawel Poljanski dopo la sedicesima tappa del Tour de France 2017, a cui sta partecipando, definisce le sue gambe fotografandole e postando lo scatto su Instagram. Un’immagine davvero scioccante che fa vedere gli arti del ciclista polacco in uno stato ‘non umano’. Le vene sono ingrossate e i piedi assumono uno strano colore.

Instagram @p.polianski

Tour de France, bufera doping su Poljanski – La fatica si fa sentire dunque per Poljanski e tutto è ancora più palese facndo il confronto tra il prima ed il dopo, grazie a due foto reperite sui social. I commenti, non solo a correlazione del post, sulle condizioni di salute del corridore si sprecano. Come ogni evento strano che riguarda il ciclismo tante sono le illazioni che fanno leva sul tema ‘doping’, secondo molti infatti le vene ed il gonfiore delle cosce del ciclista sarebbero dovuti all’assunzione di sostanze proibite.

Tour de France, bufera doping su Poljanski – Peccato che consultando un dottore specializzato in chirurgia vascolare le cose non stiano come ipotizzato dai più. Secondo il dott. Donelli, che cura molti tra ciclisti, calciatori ed altri sportivi, le gambe di Poljanski sono nella normalità. “Queste sono vene di un grande soggetto muscolare ed è normale che drenino molto in superficie”, spiga il chirurgo come riporta Gazzetta dello Sport.

Tour de France, bufera doping su Poljanski – “Siamo davanti a un atleta con una coscia che è il triplo di una persona normale. Con una gamba che è il triplo di una persona normale. Poljanski, per cui probabilmente ha scattato la foto a fine tappa, quando il flusso del sangue non si è ancora normalizzato. Sicuramente era stanco con la pressione più bassa, ma ripeto, ho visto vene peggiori. Ripercussioni fisiche? No, lo escludo. Non c’è nessun problema di circolazione del sangue. Le vene non sono né varicose né tortuose“. “Non ha sottocute, non ha ciccia, – continua il dottore –   in più, tutto il sangue viene drenato in superficie. Ma è un compenso normale per un atleta capace di performance così alte. Tutto falso, – conclude poi parlando di doping – non si può assolutamente arrivare a formulare un giudizio del genere”.

FotoGallery