Phelps contro lo squalo, una sfida… deludente: ecco la (cruda) verità svelata dall’americano

Credits: Instagram @Dudedidyouhear

La sfida tra Michael Phelps e lo squalo è sì andata in scena, ma in maniera alquanto diversa da come l’avevano descritta

Doveva essere la sfida del secolo, invece il duello tra Michael Phelps e lo squalo si è giocato solo… al pc. Proprio così, nonostante Discovery Channel, promotore dell’evento, avesse presentato questo avvenimento come monumentale per la difficoltà di realizzazione, all’esame dei fatti la delusione è stata palpabile.

Credits: Instagram @M_Phelps00

La puntata conclusiva della Shark Week, infatti, non ha mostrato una battaglia ravvicinata tra l’uomo e il pesce, bensì un confronto virtuale montato al computer. Le immagini realizzate separatamente al largo del Sudafrica sono poi state affiancate digitalmente “grazie alle più avanzate tecniche di ‘computer animation’“. Una delusione cocente per i tanti appassionati coinvolti emotivamente in una sfida rivelatasi alla fine un bluff. “Rispondo alla domanda che penso tutti si siano fatti in queste settimane: non siamo stati in acqua nello stesso momento” le parole di Phelps. “Sono rimasto al sicuro perché questa era la mia priorità numero 1. E’ stata comunque dura per la bassa temperatura dell’acqua, 13 gradi”. Secondo quanto riferito da fonti vicine al nuotatore americano, sarebbe stato proprio lui all’ultimo momento a non scendere in acqua con lo squalo per motivi di sicurezza.



FotoGallery