Moglie, madre e… regina: dietro ogni grande uomo c’è sempre una Mirka Federer

LaPresse/PA

Mirka e Roger Federer, la storia di un amore che tutti meriterebbero di vivere, un amore nato sui campi da tennis che ha reso il tennista svizzero l’uomo vincente che è oggi

Lui lì al centro della scena. L’erba del prato verde di Wimbledon gli strofina sotto i piedi. Si odono solamente il rumore di una pallina che rimbalza ed il fiato corto di due tennisti intenti a farsi male (sportivamente parlando). Lei con gli occhi puntati su di lui. Intenta a guardarne i movimenti ed ad incrociarne lo sguardo qualora servisse. Perchè il suo sguardo rassicura lui più di qualsiasi altra cosa e lei sa cosa vuol dire.

LaPresse/Reuters

Mirka sa quant’è stata dura per Roger Federer non riuscire a vincere nel 2016. Lo sa, perchè lo ha cresciuto come tennista e come uomo. Lo sa, perchè quando si sono incontrati alle Olimpiadi di Sidney lo aveva già capito che il tennis per Roger sarebbe stato sempre più importante di tutto. Lo era perfino per lei. Per lei che amava quello sport e che dovette rinunciarci per un brutto infortunio al piede. Per lei che ripiegò tutta la delusione di una carriera mai realizzata in un uomo da amare e portare al successo.

Mirka Federer ha fatto tutto questo. Ha reso Roger il tennista che ha vinto 19 Slam, che ha conquistato il suo ottavo Wimbledon a 35 anni, a 14 anni dalla sua prima volta. Mirka ha reso l’uomo Roger un tennista vincente, seguendolo quasi come un coach nei primi anni di vita insieme, costruendo la sua mentalità da primo in classifica, non facendo trapelare mai gossip di alcun genere (a differenza di qualsiasi altro grande sportivo), rendendolo padre di due coppie di gemelli, incoraggiandolo quando tutti lo davano per finito, non chiedendogli mai di smettere.

LaPresse/PA

Ecco qui giustificate le parole di Roger Federer. Il tennista meno arrendevole al mondo ha ammesso nei giorni scorsi che direbbe addio al tennis solo in un caso. “Direi ‘ok  la mia carriera è finita’ – ha annunciato lo svizzero – solo se Mirka dicesse ‘non voglio più viaggiare’”. Solo per lei lo farebbe. Per lei rinuncerebbe ai fasti ed alla gloria, ma perchè solo per Mirka? Federer lo spiega in maniera semplice, con parole dirette: “ldevo molto. E’ la migliore. Sono contento che mi aiuti a inseguire i miei sogni perché si impegna quanto me”. 

Cosa rivelano queste parole del rapporto che stiamo qui a raccontarvi? Rivelano che l’immagine vista ieri in cui un Roger Federer vincente piange davanti ai figli è l’icona di ciò che una donna è riuscita a dare ad un uomo. E’ l’immagine dell’amore. Di quello che Mirka ha fatto per Roger. Di quello che si sono promessi reciprocamente e che noi possiamo solo provare ad immaginare. Qui la frase banale dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna’, riacquista tutta la sua potenza espressiva e non è poi così banale. Qui si apprende come ognuno di noi merita di avere una ‘Mirka Federer’ al fianco. Merita di avere un amore come quello tra Roger e la sua imprescindibile compagna.

FotoGallery