Campionati Mondiali di corsa in montagna, l’Italia conquista cinque medaglie iridate

Colombo/FIDAL

Ottima prestazione per l’Italia ai Campionati Mondiali di corsa in montagna dove gli azzurri centrano ben cinque medaglie iridate

Premana (Lecco) l’Italia ribadisce la sua bella tradizione ai Campionati Mondiali di corsa in montagna. Oggi in Val Varrone gli azzurri portano a casa cinque medaglie: 3 argenti e 2 bronzi. L’altoatesino Daniel Pattis, già vicecampione europeo, cede il passo solo all’ugandese Oscar Chelimo ed è splendido argento nella prova junior.

Le quattro formazioni italiane salgono tutte sul podio a squadre: doppio argento a livello seniores sia al maschile (con Xavier Chevrier sesto e capitan Bernard Dematteis settimo) sia al femminile (Alice Gaggi settima) sia con le donne al comando dopo il primo giro prima di essere superate dagli USA nel secondo passaggio. Con quattro atleti nei primi 15 il team under 20 maschile è di bronzo, medaglia replicata anche dalle azzurrine nonostante la caduta che rallenta Gaia Colli. A laurearsi campioni mondiali tra i senior invece sono l’ugandese Victor Kiplangat e la keniana Lucy Wambui Murigi. Il medagliere viene vinto dall’Uganda con cinque ori, un argento e un bronzo davanti agli Usa (un oro, un argento e tre bronzi).

Nella storia della rassegna iridata non era mai era accaduto che l’Africa vincesse tutti e quattro i titoli individuali. La pioggia caduta nella serata del sabato ha lasciato spazio a una giornata decisamente soleggiata con tantissimo pubblico lungo il percorso. A Premana si replica domenica prossima: il tradizionale Giir di Mont, giunto alla 25esima edizione e organizzato dall’As Premana, ospiterà infatti domenica 6 agosto i Mondiali lunghe distanze (sabato 5 la cerimonia di apertura).

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery