Il rimpianto di una vita, Simona Halep svela: “Roland Garros? Il ricordo mi sta uccidendo: ogni sera prima di andare a letto…”

LaPresse/reuters

Durante la conferenza stampa di Eastbourne, Simona Halep ha svelato un retroscena in merito alla sua sconfitta nella finale del Roland Garros 2017 contro Ostapenko

Giocare una finale da favorita, essere avanti di un set e 3-0 nel secondo, assaporare il primo Slam incredibilmente ancora assente in bacheca a 26 anni (da compiere a settembre) e poi vedere tutto sfumare in maniera incredibile. Una delusione e un rimorso che fanno male. È la situazione di Simona Halep, finalista perdente dell’ultimo Roland Garros che si è confessata con i media durante la conferenza stampa di Eastbourne. La rumena non ha negato che il ricordo della sconfitta contro Jelena Ostapenko bruci ancora e sia difficile da digerire.

Sono rilassata e pronta a giocare di nuovo – ha spiegato Simona Halep in conferenza stampa a EastbourneAncora triste, ma è normale. Di sera prima di andare a letto ci ripenso. Ero avanti un set e 3-0 nel secondo e non sono riuscita a chiudere quel game. Ho avuto tantissime palle break. Ora penso ‘non avrei dovuto colpire in questo modo, avrei dovuto rischiare‘. Ma non l’ho fatto. È una sconfitta che mi uccide. Questo è l’unico rimpianto, non essermi giocata tutto su quelle risposte. I primi giorni a casa sono stati duri. Non me li sono goduti molto. Ma poi in vacanza in Grecia mi sono rilassata di più. Ho pensato alle cose positive, al fatto che avevo avuto una grande stagione su terra. Tanti match vinti contro buone giocatrici. Non mi posso lamentare di nulla. L’unica cosa se la prossima volta mi ritrovo nella stessa situazione, dovrò fare meglio“.

 

 

FotoGallery