Schwazer urla al complotto: “portate il mio campione d’urina in Italia! Voglio la verità”

LaPresse/Vincenzo Livieri

Alex Schwazer non molla: l’atleta italiano vuole tutta la verità

Contro questo sistema non posso vincere, ma non accetto il verdetto. Di questa vicenda sono la vittima, non certo il colpevole“. Si apre così l’intervista esclusiva che Alex Schwazer ha concesso ad Andrea Fusco e che andrà in onda sabato 29 aprile, alle 13.30, all’interno di “Dribbling”, il rotocalco sportivo di Rai2.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Il processo penale – ha detto il marciatore, squalificato per doping alla vigilia dell’Olimpiade di Rio – va avanti e voglio la verità. Questa storia sarà importante non solo per me ma anche per altri sportivi. Lo sport deve cambiare le regole, che siano uguali per tutti, non solo per chi lo pratica ma anche per funzionari, medici e dirigenti. Il mio campione di urina deve essere portato in Italia, sottoposto ad indagini accurate per capire bene di cosa si tratta“.

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Protagonisti della lunga intervista anche l’avvocato Gerhard Brandstatter, che assiste Schwazer nel processo penale, e il professor Sandro Donati, che aveva accettato di allenare Schwazer dopo la squalifica di Londra. L’avvocato Brandstatter non usa mezzi termini: “siamo al centro di un complotto. Abbiamo tutte le certezze ed i riscontri che non c’è stato alcun caso di doping. Abbiamo già informato la Procura di Bolzano che metteremo una taglia, ricompenseremo chi saprà darci notizie utili su cosa è realmente successo. Sappiamo bene da Sochi in poi che le provette possono essere manomesse. Questo è un attacco portato soprattutto nei confronti del professore Sandro Donati, il simbolo dell’antidoping“.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

E Donati, da parte sua, ricorda che in meno di un anno: “Schwazer si è sottoposto a più di 60 controlli a sorpresa presso l’Ospedale San Giovanni, rinunciando alla finestra Wada e dando la piena disponibilità per tutto il giorno. Ora chiediamo il test del Dna sul campione di urine. Se il magistrato accerterà l’innocenza di Alex, puntiamo a farlo tornare alle gare. E vi garantisco che sara’ difficile battere Schwazer in una sola gara da qui a Tokyo 2020“. (ITALPRESS)



FotoGallery