Venerdi 24 Marzo

Scandalo a luci rosse, trema la ginnastica americana: abusi sessuali su 368 piccole atlete

AbacaPress

Secondo quanto scoperto dall’Indianapolis Star, un numero pazzesco di piccole ginnaste avrebbero subito abusi sessuali da parte dei loro stessi allenatori

Una situazione assurda e pazzesca, un muro di terrore e omertà che adesso potrebbe sbriciolarsi grazie all’inchiesta dell’Indianapolis Star, riuscito a far venire a galla una verità agghiacciante. La ginnastica americana sta per affrontare una bufera che potrebbe minare fortemente le fondamenta di un sistema malato rimasto nascosto per più di 20 anni.

steve pennyLa prima testa a cadere è quella di Steve Penny, presidente della federazione ginnastica Usa dal 2005, il quale ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dopo le insistenti richieste del Comitato olimpico americano. Le accuse? Terribili, dal momento che si parla di più di 360 abusi sessuali perpetrati nei confronti di piccole ginnaste ricattate per inseguire il proprio sogno. “Mi hanno fatto diventare campionessa nazionale, ma ho subito intimidazioni e abusi verbali. Per non parlare dei problemi fisici, dovuti all’eccessivo logorio di allenamenti durissimi” commenta Jessica Howard, tre volte campionessa di ritmica Usa (dal 1999 al 2001). “Proprio per guarire da problemi a un’anca fui mandata dal dottor Larry Nassar, il medico ufficiale delle federazione Usa di ginnastica. Per il primo appuntamento, mi disse di mettermi un paio di short senza mutandine. Mi sembrò molto strano, ma era un dottore rinomato e io ero poco più di una bambina. Cominciò a massaggiarmi le gambe e rapidamente mise le mani in mezzo alle cosce per poi entrare dentro di me. Rimasi rigida e confusa e non capii bene che cosa fosse successo“.

larry-nassarProprio Larry Nasser è il principale imputato di questa clamorosa inchiesta che coinvolge anche importanti allenatori del panorama ginnico americano. Il rinomato dottore dovrà adesso subire un processo in cui dovrà rispondere di 22 capi d’accusa tutti legati ad abusi e molestie sessuali nei confronti di 80 ragazzine. Un muro d’omertà che l’Indianapolis Star è riuscito a scalare dopo nove mesi di lavoro, spesi ad analizzare a fondo schedari della polizia e verbali dei processi in tutti gli Stati Uniti. Proprio in seguito a questa indagine, ciò che ha fatto sobbalzare i giornalisti americani è il numero di ragazzine abusate sessualmente: ben 368, tutte costrette a sottoporsi alle sevizie dei loro maestri. Denunce? Nessuna, dal momento che nessuno avrebbe mai creduto alle accuse di semplici ragazzine nei confronti di insegnanti considerati intoccabili e dai curricula gloriosi in tutto il Paese. Una difesa strenua, portata avanti soprattutto dalla Federazione americana (e qui torna in ballo il nome di Steve Penny) indaffarata ad insabbiare il tutto per continuare a vincere le ambite medaglie mondiali e olimpiche.

AbacaPress

AbacaPress

“Mica puoi salire sul podio se metti in prigione i tecnici più bravi”, la frase più gettonata tra le piccole ginnaste riuscite a denunciare una situazione davvero agghiacciante. Gli esempi sono lampanti e tutti palesi, uno su tutti è quello che riguarda Doug Boger, eletto “Coach dell’anno” nel 2009, rimasto a guidare le atlete americane nell’ambito di eventi internazionali nonostante fosse accusato di aver perpetrato abusi sessuali. Accuse a cui si aggiunsero poi quelle di ex ginnaste come Charmaine Carnes e Jennifer Sey, uscite allo scoperto dopo 20 anni per denunciare il proprio carnefice. Stessa sorte toccò anche ad Anna Malver, costretta a subire rapporti sessuali con Boger per almeno una dozzina di volte fra gli 11 e i 14 anni. L’allenatore americano, però, fu sempre difeso da Penny, convinto della buonafede del proprio insegnante. A rischiare di più ,però, è senza dubbio il dottor Nassar che rischia di finire in manette per reati davvero abnormi e terribili. L’Indianapolis Star ha fatto il proprio dovere. La ginnastica americana rischia davvero grosso, 20 anni di trionfi macchiati da abusi sessuali: se questo è sport, allora abbiamo davvero sbagliato tutto!