Lunedi 5 Dicembre

Lo squallore non ha mai fine, il sindaco di Suvereto e l’offesa a Zanardi: “lo facevo più ‘in gamba’…”

Con un post su Facebook poi cancellato, il sindaco di Suvereto ha attaccato Zanardi per aver dichiarato di voler votare SI al referendum

Tante chiacchiere sull’amore verso le persone disabili, per poi perdersi in una battuta che di umoristico non ha davvero nulla.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Da un giorno all’altro il sindaco di Suvereto, paese toscano in provincia di Livorno, Giuliano Parodi, si è ritrovato nell’occhio del ciclone per un post pubblicato sulla sua pagina Facebook palesemente offensivo nei confronti di Alex Zanardi. A far scoccare la scintilla nell’animo dello zelante sindaco sono state le dichiarazioni del pluricampione paralimpico di handbike, deciso a votare SI al prossimo referendum. Alex Zanardi vota SI… peccato lo facevo più in ‘gamba’…” lo sprezzante commento del sindaco, teso a strumentalizzare una scelta personale e intima, come il voto dovrebbe essere, con lo scopo di offendere gratuitamente un personaggio genuino e leale come Alex.

giuliano parodiIl post non è passato inosservato, provocando indignazione e sdegno negli internauti, lanciatisi immediatamente all’assalto di Parodi il quale ha cercato di fare prontamente marcia indietro cancellando il post e scusandosi. “Era una battuta ironica. La satira serve per muovere le coscienze e attraverso un pugno nello stomaco far riflettere sulle questioni, personalmente trovo più pornografico e amorale un governo che taglia i fondi per l’assistenza ai disabili, o rimuove 50 milioni stanziati per la cura dei linfomi per i bambini di Taranto…ovvero al potenziamento dei servizi sanitari loro dedicati. Ma non ha toccato i 60 milioni destinati a un evento sul golf. Poi si sa ognuno ha il metro di giudizio delle cose….”.

LaPresse / Roberto Monaldo

LaPresse / Roberto Monaldo

Non si è fatto attendere l’intervento del presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli il quale ha condannato senza remore il post: “desidero esprimere la mia più sincera solidarietà nei confronti di Alex, non solo perché ognuno di noi ha il diritto di esprimere democraticamente, in un paese civile, le proprie opinioni, ma soprattutto perché, con quelle parole, virgolettando in maniera davvero disgustosa il riferimento alla disabilità di Alex, il sindaco di Suvereto ha non soltanto offeso un campione, che tanto ha dato allo sport italiano, ma ha dileggiato chiunque si trovi in una situazione di disabilità, come il sottoscritto. Ho recentemente dichiarato che la crescita del nostro paese si misura non soltanto in percentuali del PIL, ma anche nella cultura di chi lo compone. Purtroppo devo ammettere che il lavoro che ci attende è ancora molto lungo…”.

post parodi