Giovedi 8 Dicembre

Vespa: al Museo Nicolis celebrati i 70 anni del motociclo più venduto di tutti i tempi [FOTO]

Exhibition Vespa chiude con un bilancio entusiasmante: al Museo Nicolis di Villafranca oltre 15 mila visitatori da oltre 30 paesi di tutto il mondo

Oltre 15 mila visitatori in meno di quattro mesi. Il 60% stranieri, provenienti da mezzo mondo. Sono i numeri di ExhibitionVespa, la mostra che al Museo Nicolis di Villafranca di Verona ha celebrato  i 70 anni del motociclo più venduto di tutti i tempi.

Exhibition Vespa (68)Exhibition Vespa è stata un’esperienza straordinaria – dichiara Silvia Nicolis, presidente del Museo – non solo in termini di contenuto e di affluenza, ma soprattutto per il fatto che in quattro mesi abbiamo visto passare migliaia di persone, famiglie, collezionisti, appassionati di ogni nazionalità ed età. Vespa ci ha dato la conferma che esistono davvero oggetti e tematiche capaci di mettere d’accordo tutti, in grado di rivitalizzare emozioni legate ai ricordi, ma al tempo stesso alla propria quotidianità, alla storia della propria famiglia. Questo bisogno molto forte di sentirsi vivi e protagonisti di un contesto socio-culturale “real” e alla portata di tutti, attraverso la convivialità e l’incontro, conferma che l’uomo, insieme agli oggetti geniali che ha realizzato, resterà sempre il centro di qualsiasi “storia”. Il calore della passione, in fondo è  il vero motore che fa muovere  il mondo”.

Exhibition Vespa (51)Luigi Frisinghelli, presidente del Registro Storico Vespa e curatore dell’esposizione, commenta: “c’è quasi una punta di rammarico nell’arrivare al traguardo, perché nel tempo non abbiamo osservato cali di presenze, anzi. Proprio nell’ultimo periodo le visite sono andate ancora aumentando, anche perché essendosi conclusa la stagione vespistica, molti appassionati sono venuti a trovarci. A mio parere, motivo di tanto interesse è che la mostra è stata concepita non solo per raccontare la storia della vespa, ma anche tutti i 70 anni produzione Piaggio inseriti nel contesto della storia italiana e del mondo. Inoltre ha giocato anche il tipo di allestimento, non certo “museale” ma vivo e divertente: c’erano giocattoli, pannelli illustrativi, riferimenti al costume e alle evoluzioni sociali. E in tanti solo qui hanno conosciuto le infinite evoluzioni della vespa: il trattorino, l’automobile, il fuoribordo marino: sono convinto che questa è stata l’unica mostra in cui si sono potuti vedere assieme tanti prodotti. E poi la vespa è stata riconosciuta come una “di famiglia”, perché anche senza essere appassionati di motori, tutti noi abbiamo qualche ricordo che ci lega a questa straordinaria creazione italiana”.

Exhibition Vespa (21)Fra gli ospiti più festeggiati, l’88 enne Giuseppe Cau“Il Cavaliere della Vespa”, autentica memoria storica di Piaggio: collaudatore, pilota ufficiale, seigiornista capace di vincere 9 medaglie d’oro, poi tecnico in azienda e autore di libri. Dopo aver partecipato all’inaugurazione del 6 luglio, poco prima della chiusura è voluto tornare da Pontedera per accompagnare i suoi amici nella visita.

Impressionante l’elenco dei luoghi di provenienza dei visitatori, come si legge nei messaggi che hanno lasciato sul registro di ExhibitionVespa:

Argentina, Austria, Australia, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Scozia, Slovenia, Spagna, Usa, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.

Exhibition Vespa (16)Sono state decine i Vespa Club di tutto il mondo che sono giunti a Villafranca appositamente per vedere la mostra. Ma tantissime anche le famiglie, i gruppi di ragazzi, i turisti che si trovavano a Verona e sul lago di Garda. Fra i 70 esemplari si poteva osservare tutta l’evoluzione dei modelli dalla prima all’ultima Vespa prodotte da Piaggio dal 1946 a oggi, compresi rari cimeli o le tre serie Sport, per la prima volta visibili tutte assieme. C’era anche il primo Ciao del ’67 – ultima creazione del papà di Vespa Corradino D’Ascanio che ne realizzò il prototipo – oltre a trattorini agricoli, Apecar e fuoribordo marini. Simbolo universale del Made in Italy, la vespa ha saputo incarnare la trasformazione delle ultime sette decadi: dalla rinascita economica alla liberazione dei costumi. Una qualità che l’ha resa un simbolo di cambiamento e libertà, un’icona pubblicitaria e un oggetto di culto per tre generazioni di giovani. Tutti questi aspetti sono stati inclusi nel percorso espositivo, dove si poteva osservare che con l’evolversi dei modelli Piaggio hanno corrisposto nuovi linguaggi pubblicitari, un nuovo immaginario della donna e della vita di coppia, nuove trasposizione cinematografiche.