Martedi 6 Dicembre

Tragedia Chapecoense, le parole shock del figlio dell’allenatore: “ecco perchè sono salvo”

LaPresse/Reuters

Matheus Saroli, figlio dell’allenatore della Chapecoense, racconta perchè si è salvato dalla terribile strage di Medellin

Dolore e sofferenza nel mondo dello sport. La storia si ripete: la stessa sorte del Torino del 1949 è capitata alla squadra brasiliana Chapecoense. Il team, in viaggio verso la Colombia per la finale d’andata di Copa Sudamericana contro l’Atletico Nacional, è rimasto vittima di un terribile incidente. L’aereo sul quale viaggiavano si è infatti schiantato contro una montagna, spezzandosi in tre parti. 75 le vittime del terribile incidente, tra cui anche l’allenatore del team Luis Carlos Saroli.

matheus saroliA qualche ora dalla drammatica strage ecco spuntare il messaggio del figlio Matheus, salvo per fortuna, o meglio per miracolo: “Io, mia madre e mio fratello stiamo bene. Abbiamo bisogno di forza, vi chiedo di darci un po ‘di privacy, soprattutto per mia madre. e ringrazio tutti coloro che hanno chiamato e inviato messaggi. Ero a São Paulo oggi, Non ho viaggiato perche ho dimenticato il mio passaporto. Facciamoci forza, grazie a tutti”, ha scritto su Facebook il figlio di Saroli.