Giovedi 8 Dicembre

Test Valencia, Bagnaia prova una MotoGp: “ho pensato adesso passo Marc e faccio un po’ il figo”

La gioia e l’entusiasmo di Pecco Bagnaia dopo aver provato la  Ducati GP14.2 del Team Aspar questa mattina a Valencia

A due giorni dal termine della stagione 2016 di MotoGp conclusasi con la gara di Valencia vinta da Jorge Lorenzo, i piloti sono tornati in pista sul circuito di Ricardo Tormo per la prima giornata di test IRTA in vista del nuovo mondiale.

Giornata importantissima per i campioni della MotoGp ma anche il giovane Bagnaia della Moto3 che grazie ad una scommessa vinta col suo team manager Borsoi: “vinci due gran premi e guiderai una MotoGp”, e Pecco non se l’è fatto ripetere due volte.

pecco bagnaia1E’ stata un’esperienza veramente pazzesca e la squadra ha mantenuto la sua promessa. La MotoGP è veramente qualcosa di inimmaginabile: mi aspettavo che andasse forte, ma non così tanto forte. Sul dritto se non stai attento perdi la presa sulle pedane e in frenata devi fare molto attenzione. Io in Moto3 sono abituato che ci vogliono 17 bar di pressione per fermarla, mentre qua ne bastano 8 o 9, quindi bisogna stare attenti perché altrimenti si rischia di ribaltarsi” ha dichiarato il giovane della VR46 Academy dopo aver fatto qualche giro con la Ducati GP14.2 del Team Aspar.

E’ stato pazzesco e quindi devo dire veramente grazie ad Aspar ed alla Ducati. Ad un certo punto quando ero dentro c’era Marquez che girava e ho anche sbagliato, perché mi sono detto: ‘adesso passo Marc e faccio un po’ il figo’“, ha aggiunto Bagnaia come riportato su Motorsport.com dopo aver incrociato il neo campione del mondo Marquez in pista.

Già prima di partire per Valencia ho tenuto Valentino a parlare per tre quarti d’ora, con domande del tipo: ma allora al primo giro devo andare forte? devo andare piano? Poi gli ho chiesto delle gomme, dei freni. Infatti secondo me dopo un po’ si era rotto…Ma è stato lì è mi ha spiegato tutto. E’ stato utile soprattutto per i freni e per il modo di scaldarli. E’ stranissimo anche arrivare in staccata e non dover usare la frizione, quindi spero di non essermi già abituato“, ha continuato entusiasta il giovane pilota.