Domenica 4 Dicembre

Tennis, Serena Williams show: “donne, sognate in grande! Non essere uomini non è un difetto”

LaPresse/Reuters

Con una lettera pubblicata sul Guardian, Serena Williams ha voluto lanciare un messaggio a tutte le donne, invitandole ad abbattere pregiudizi e reticenze

Una sentita lettera aperta, rivolta a tutte le donne, invitandole a “sognare in grande” e a lottare contro le differenze di genere. A firmarla niente meno che Serena Williams, sulle colonne del giornale inglese ‘The Guardian‘. Un testo molto sentito, nel quale la campionessa statunitense, attualmente numero due della classifica mondiale, sottolinea anche come proprio il tennis l’abbia aiutata a sconfiggere la timidezza e il timore.

LaPresse/Stefano Marotta

LaPresse/Stefano Marotta

Per tutte le donne incredibili che lottano per l’eccellenza – scrive la 35enne fuoriclasse americana, numero 2 del ranking Wta dopo un lungo periodo di dominio – quando ero piccola, avevo un sogno, e sono sicura che anche voi lo abbiate. Il mio sogno non era quello di una ragazza normale, il mio sogno era quello di essere il miglior giocatore di tennis in tutto il mondo. Non la miglior giocatrice di tennis ‘donna” del mondo. Ho avuto la fortuna di avere una famiglia che ha sostenuto il mio sogno e mi ha incoraggiato a seguirlo. Ho imparato a non avere paura. Ho imparato quanto sia importante lottare per un sogno e, soprattutto, per sognare in grande. Ciò che gli altri indicano come difetti o svantaggi su di me – la mia razza, il mio genere – sono diventati il combustibile per il mio successo. Non ho mai lasciato che niente e nessuno definissero me o il mio potenziale. Ho controllato il mio futuro. Quando il tema della parità di retribuzione emerge, mi frustra perchè so in prima persona, come lo sapete voi, che ho fatto lo stesso lavoro e fatto gli stessi sacrifici dei nostri colleghi maschi. Non vorrei mai che mia figlia fosse pagata meno di mio figlio quando fanno lo stesso lavoro. E non lo vorresti neppure tu“.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Il paragrafo conclusivo è dedicato agli ostacoli che le donne devono affrontare, praticamente ogni giorno: “le donne devono abbattere molte barriere sulla strada per il successo. Una di queste è il modo in cui ci viene costantemente ricordato che non siamo uomini, come se fosse un difetto. La gente mi definisce una delle “più grandi atlete di sesso femminile del mondo”. Direbbero mai che LeBron è uno dei migliori atleti di sesso maschile del mondo? E Tiger? O di Federer? Perchè no? Loro non sono di certo una donna. Non dobbiamo mai permettere che questa cosa possa continuare ad accadere in maniera incontrastata. Dobbiamo sempre essere giudicati dai nostri traguardi, non in base al nostro genere. La mia speranza è che la mia storia, e la vostra, ispireranno tutte le giovani donne là fuori a spingere per raggiungere gli obiettivi più alti e seguire i loro sogni con salda resistenza. Dobbiamo continuare a sognare in grande – conclude Serena Williams – e così facendo possiamo dare la forza alla prossima generazione di donne di essere altrettanto audaci nei loro obiettivi“. (ITALPRESS)