Domenica 4 Dicembre

Tennis – Novak Djokovic come Bjorn Borg: la gente rischia di farlo fuori

Sipa USA

Marian Vajda, coach di Novak Djokovic, ha parlato del calo fisico-piscologico del serbo avvenuto dopo il Roland Garros a causa della troppa pressione

VIRGINIE BOUYER

VIRGINIE BOUYER

Interessante intervista rilasciata da coach Marian Vajda a Yellow Ball Corner, nel quale l’allenatore di Novak Djokovic ha parlato del famoso ‘calo’ del tennista serbo dopo il Roland Garros. Vajda ha spiegato come un calo sia un evento normale per un tennista che gioca a livelli altissimi come Djokovic, particolarmente dopo lo sforzo del Roland Garros. Ma la parte più interessante dell’intervista riguarda la preoccupazione riguardante la ‘pressione’ delle aspettative intorno a Djokovic che rischiano di far ripetere un pericolo ‘Bjorn Borg bis‘.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

“La gente interpreta le cose a proprio piacimento. Ma Djokovic è ancora se stesso. Lo vedono come un giocatore imbattibile, ricco e famoso, ma non è così – ha spiegato Bajda – Vorrei che sia visto come un atleta eccezionale che ha giocato per anni. Molte volte si ricorda come Bjorn Borg si sia ritirato a 26 anni perché incapace di reggere la pressione. Ad un certo punto Novak si è detto: ‘ok, e ora? Quando hai vinto tutto, da dove viene la motivazione?”.