Sabato 10 Dicembre

Tennis, Nadal e la disciplina: “vi racconto di quando zio Toni mi voleva far morire… di sete!”

LaPresse/ EFE/Andreu Dalmau

Rafa Nadal ha raccontato un curioso episodio dei primi anni di allenamento con lo Zio Toni: protagonista una… bottiglietta d’acqua

LaPresse/ Manuel Queimadelos

LaPresse/ Manuel Queimadelos

Nel corso di un’interessante intervista rilasciata a ‘XL Semanal’, Rafa Nadal ha raccontato un curioso episodio risalente ai primi anni di allenamento con lo zio Toni. Nadal ha spiegato con un esempio quanto la questione della ‘responsabilità’ fosse una componente caratteriale alla quale zio Toni teneva particolarmente: un giorno Rafa si dimenticò la bottiglietta d’acqua a casa e per l’intero allenamento (diverse ore) lo zio gli impedì di bere.

Per lui il tema caratteriale è stato sempre molto importante – ha spiegato Rafa – Quando dimenticavo la bottiglietta d’acqua a casa, non mi faceva bere durante l’allenamento. Il suo obiettivo era insegnarmi ad essere disciplinato. Mi ha fatto diventare un giocatore che dà il massimo in allenamento e che può avere dalla sua parte la forza di volontà“.