Venerdi 2 Dicembre

TECNICA e BLIZZARD: sci e scarponi all’avanguardia, tutte LE NEWS per la FW ’16 ’17

LaPresse/Reuters

Blizzard Quattro… per otto: la nuova collezione di sci per uomo e donna

Blizzard Quattro è una collezione di sci per uomo e donna sviluppati specificatamente per lo sci su pista, che rappresenta in quest’ambito la linea di sci più completa e tecnologicamente avanzata di sempre. Blizzard Quattro Design Concept: abbiamo stabilito che, in pista, stabilità, precisione, agilità e controllo sono i quattro elementi chiave che ogni sciatore ricerca in uno sci ideale. Tuttavia, siamo consapevoli che queste performance hanno un significato diverso per ciascuno sciatore, a seconda delle capacità e delle preferenze personali. Concettualmente, ogni modello Blizzard Quattro è stato sviluppato per ottimizzare i quattro elementi chiave a seconda della tipologia di sciatore.

Ci siamo passati tutti. Pensi di aver trovato lo sci perfetto, poi invece ti accorgi che c’è sempre qualcosa che non va. Uno non ha il giusto rocker, l’altro è appena troppo largo, ha un flex troppo morbido o un raggio troppo aggressivo. Ecco perché è nato Blizzard Quattro, un sistema completamente nuovo, con otto modelli diversi che risolvono ogni problema. Lo stesso sci è disponibile in versioni diverse per soddisfare esigenze diverse.

I tecnici Blizzard hanno identificato i quattro elementi chiave della costruzione di uno sci: forma, rocker, costruzione e suspension. Agendo sulla combinazione di questi elementi hanno dato vita a una serie di otto modelli di punta per lo sci alpino, altamente tecnici, ciascuno con le sue caratteristiche peculiari adatte a specifiche situazioni.

BLIZZARD QUATTRO 7.7_8A6063B3001La forma

I modelli della collezione Blizzard Quattro presentano due diverse larghezze al centro. I modelli con centro da 69 o 74 mm permettono di effettuare rapidi passaggi di spigolo e offrono una buona presa sulla neve dura e compatta, regalando emozionanti sensazioni da gara. Per chi invece predilige una sciata più fluida, il centro da 80 o 84 mm rappresenta la scelta ideale. Questo nuovo concept della forma si riflette anche sulla lunghezza. Le lunghezze disponibili sono determinate dalla forma dello sci. Con lunghezze che vanno da 153 a 181 cm, il raggio varia da 10 a 17,5 metri. Pertanto, sci con lunghezza uguale o superiore a 170 cm ben si prestano allo slalom gigante, mentre i modelli più corti sono più agili, per un divertimento assicurato. 

Stabilità in curva

Tutti gli sci Blizzard Quattro sono realizzati con anima in legno su tutta la lunghezza dello sci e si avvalgono della tecnologia Sandwich Sidewall IQ. Tuttavia, a seconda degli strati superficiali utilizzati, cambia il genere di performance. Per i modelli più sportivi, Blizzard impiega quattro strati in carbonio multidirezione e una costruzione da gara. La costruzione in Titanal in entrambi i modelli conferisce loro stabilità in curva e permette un grande risparmio di energia. La terza versione prevede diversi strati in fibra di vetro, allo scopo di rinforzare l’anima in legno e rendere lo sci particolarmente agile.

Rocker per tutti

La performance in curva negli sci moderni si definisce in base al grado di rialzo su punta e coda: il rocker. La collezione Blizzard Quattro propone tre rocker diversi per soddisfare esigenze diverse. Il modello Quattro senza rocker è uno sci Full-Camber che offre un controllo ottimale in pista e si rivolge a sciatori potenti, orientati alla performance. Il modello successivo presenta un rocker di due millimetri che consente facilità di ingresso in curva e offre un buon controllo in condizioni di pista difficili. Il rocker da quattro millimetri è più tollerante ed è previsto in particolare sui modelli Quattro più larghi. Le piste con neve rovinata sono il terreno di gioco ideale per questi modelli: qualsiasi imprecisione viene superata senza alcuna difficoltà. L’innovativo rocker di Blizzard offre lo sci giusto per ogni sciatore, dalla discesa più rilassata al gigante più aggressivo.

Suspension: la garanzia di precisione

Per garantire curve fluide ma anche una buona tenuta di spigolo, l’azienda di Mittersill ha dotato l’intera gamma Quattro della tecnologia Suspension (struttura in poliammide) o Full Suspension con booster in carbonio. Entrambe le versioni si integrano all’attacco mediante un sistema di sospensioni flessibile che riduce le vibrazioni di 10-15 volte, aumenta la dinamicità dello sci e, di conseguenza, la precisione.

BLIZZARD WOMAN

Leggero come una piuma sulla neve fresca

SHEEVA_8A611300001‘Le donne amano i fiori’ ma, nel caso degli sci, amano soprattutto il faggio e il pioppo, ovvero le varietà di legno impiegate per l’anima ultraleggera dei nuovi modelli della linea Freeride di Blizzard da donna. Si tratta di materiali naturali e versatili, che garantiscono un’ottima reattività nella trasmissione della forza e una sciata particolarmente fluida.

Quest’anno, gli specialisti di Mittersill si sono concentrati sulle esigenze specifiche delle sciatrici freeride. Un compito non facile, poiché le donne vogliono che i loro sci da freeride siano non solo belli, ma anche e soprattutto leggeri e dalle prestazioni imbattibili. Con la collezione Freeride da donna 2016/17 Blizzard ha colpito nel segno, con uno sci che dà il meglio di sé su neve fresca e soddisfa le esigenze specifiche delle sciatrici. I nostri  attentissimi tecnici sono riusciti a creare un autentico sci Blizzard: attivamente sportivo e armoniosamente equilibrato.

Tecnologia Carbon Flipcore

La collezione Freeride da donna era già stata promossa a pieni voti per la sua anima in bambù, leggera e robusta. Sui nuovi modelli però, è stata sostituita da un’anima in faggio e pioppo: il faggio rende lo sci leggero, mentre il pioppo conferisce flessibilità e stabilità. Inoltre, anziché utilizzare l’anima in legno su tutta la lunghezza dello sci, su punta e coda sono presenti degli inserti in carbonio, che riducono il peso complessivo del 15%. Questa nuova anima offre una maggiore rigidità torsionale: gli sci sono più reattivi, più diretti e sopportano carichi di pressione impegnativi. Il Flipcore naturale fa in modo che lo sci galleggi perfettamente sulla neve farinosa, ma sia capace di mostrare i denti anche in pista. Blizzard ha battezzato questa nuova tecnologia Carbon Flipcore W.S.D (Women Specific Design).

Quattro sci versatili e testati

Grandi novità strutturali ma stessi collaudati nomi per i quattro modelli all-round: Sheeva, Samba, Black Pearl e Cheyenne, permetteranno alle freerider di scivolare senza fatica su ogni pendio. Il rocker su punta e coda offre una flessibilità impressionante, mentre il camber sottopiede permette prestazioni al top anche su piste ben preparate e battute. Grazie alla costruzione sidewall, questi quattro modelli della collezione Freeride da donna offrono una presa di spigolo ottimale. La grafica a piume del rivestimento superficiale riflette alla perfezione la leggerezza di questo prodotto.

TECNICA COCHISE

COCHISE 130 DYN_10174000P97Un pocker di leve

Completamente rinnovato, il Cochise di Tecnica si conferma  un autentico scarpone da freeride, dalle prestazioni eccezionali. I nuovi materiali e la tecnologia di produzione hanno dato vita a un concetto di scafo particolarmente sofisticato. Il risultato è uno scarpone che abbina la costruzione a quattro leve alla trasmissione progressiva della forza, agilità in salita, calzata eccezionale e un angolo di mobilità di ben 42 gradi. Una combinazione davvero rivoluzionaria.

Affrontare la breve camminata fino in vetta vale la fatica. Agganci gli attacchi e gli sci istintivamente puntano verso valle, nella neve incontaminata della discesa. Pareti di roccia a destra e sinistra: le curve devono essere potenti ed estremamente precise. Concentrato al massimo, ti immergi nella gioia. Esattamente quel tipo di gioia per la quale è stato creato il nuovo Cochise di Tecnica. Se parliamo di scarponi dinamici da freeride, le quattro leve offrono il massimo in fatto di stabilità, precisione e trasmissione della potenza allo sci. Al tempo stesso, la calzata deve essere sufficientemente confortevole da permettere di trascorrere intere giornate in montagna. E, naturalmente, la modalità camminata deve essere comoda in salita. Gli specialisti del reparto Ricerca & Sviluppo di Tecnica sono riusciti a unire tutte queste qualità per la prima volta in un autentico scarpone da freeride.

Nuova costruzione dello scafo

Le caratteristiche che oggi si cercano in uno scarpone da freeride sono molte e svariate: deve essere leggero, performante sia in salita che in discesa, e deve essere personalizzabile. Il nuovo Light-Frame-Concept di Cochise combina una costruzione leggera dello scafo con una rigidità di 2,5 volte superiore sulla suola e lungo la tibia. Ciò aumenta la trasmissione diretta della forza allo sci e sostiene il piede nelle discese con forti pendenze o particolarmente lunghe. Inoltre, qualora fosse necessaria qualche rifinitura, lo scafo può essere ulteriormente adattato e personalizzato senza sforzo grazie alla tecnologia C.A.S di Tecnica.

Quattro leve per il massimo della stabilità

Quattro click e il piede è saldamente bloccato nello scafo anatomico del nuovo Cochise, con alloggiamento del tallone ottimizzato. Questo è possibile perché quattro leve garantiscono una maggiore stabilità e trasmissione della forza. Sono realizzate in materiale leggero, con un peso ridotto del 20%. Grazie ai ganci Auto-Distance-Hooks, inoltre, le leve permettono di infilare e sfilare lo scarpone con grande facilità e senza essere mai d’intralcio: quando aperte, rimangono infatti ad un angolo di 45°, senza mai impigliarsi nello scafo. 

È’ tutto nella scarpetta

Proprio come lo scafo, anche la scarpetta è stata alleggerita. Provvista di una membrana impermeabile, tiene lontane l’acqua e l’umidità pur rimanendo traspirante. Lo spoilerino e la linguetta da gara rimovibile, insieme al sistema C.A.S. pre-sagomato (Custom Adaptive Shape) la rendono adatta al piede fin dall’acquisto. Per invece chi ama personalizzare i propri scarponi al millimetro, il materiale C.A.S. termoformabile nella zona della caviglia permette di ottenere un comfort e una calzata dalla precisione assoluta.

Modalità camminata in un batter d’occhio

Cosa succede se la neve fresca più vicina è lontanissima? Semplice: basta mettere lo scarpone in modalità camminata. Per riuscire a fare passi più lunghi e arrivare in cima più rapidamente, Cochise si presenta con un’angolazione effettiva di 42° e può essere inserito su attacchi low tech. Ciò significa che gli sci da freeride possono essere tramutati in un baleno in sci da scialpinismo.

Comfort e forma specifica per la donna

Qualsiasi donna che pratica il freeride vi potrà dire che avere i piedi caldi può fare la differenza. Ecco perché Tecnica ha scelto la lana merino – traspirante e in grado di regolare la temperatura – per l’avampiede del nuovo modello Cochise da donna. Inoltre, la forma e l’altezza del gambetto si adattano perfettamente all’anatomia del piede femminile.

TECNICA ZERO G

ZERO G GUIDE PRO_10174600199Zero gravità, zero limiti

Costruito per il freeride più ambizioso. Con Zero G, Tecnica lancia il nuovo scarpone ibrido da sci alpino/scialpinismo progettato per la discesa: ha quattro leve, pesa meno di 1,5 kg e unisce il meglio di entrambi i mondi.

Essere attivi nelle regioni più montuose del pianeta. Affrontare i corridoi di Chamonix o risalire l’Ortler. Gli scialpinisti orientati alla discesa sognano quella linea speciale e le sfide che pone. È proprio attorno a questo tipo di sciatori che ruota il lavoro di Tecnica. Nuovi materiali, nuove tecniche di produzione e nuovi metodi di costruzione hanno permesso di ripensare lo scarpone da sci. Zero G: il massimo risultato ottenibile dall’unione di uno scarpone da scialpinismo e uno da sci alpino. Grazie a una costruzione dello scafo sottilissima ma estremamente rigida nelle aree del polpaccio e della suola, offre un’incredibile trasmissione della potenza pur con un peso minimo.

Solido ma leggero

“Zero G” sta per Zero Gravità e per Zero Limiti. Grazie al nuovo Power Light Frame, che corre dal polpaccio fino alla suola, Tecnica ha creato uno scarpone con uno scafo nel complesso più leggero del 50%, ma anche due volte e mezza più rigido. In questa parte dello scarpone lo scafo deve fornire sostegno e stabilità. Questa linea modificata gli conferisce un’angolazione di 44° nella camminata in salita, collocando Zero G alla pari con tutti gli altri scarponi da scialpinismo. Dunque, che cosa lo rende tanto speciale? Grazie alle quattro leve superleggere in alluminio, è una bomba nello sci alpino. Se gli sciatori riescono a tracciare curve precise anche nei tratti di maggiore pendenza dell’Arlberg, avranno meno bisogno di correggere l’equilibrio, risparmiando energia sulle discese più lunghe e trovando la sicurezza che desiderano. Ne beneficerà anche la performance. E tutto questo in meno di 1,5 kg (nella misura 26.5).

Tre scarponi, zero limiti

Grazie ai tre modelli della linea Zero G, Tecnica propone uno scarpone per ogni tipologia di scialpinista. Zero G Guide Pro, con flex 130, è il modello di punta. La scarpetta Palau aggiunge appena 200 grammi al peso ed è termoformabile. Il lacci e i rinforzi sulla tibia le conferiscono un fit ottimale e garantiscono un’eccellente performance in discesa. Con un flex di 110, Zero G Guide è la versione sportiva ed è tanto divertente in salita quanto lo sarà in ogni discesa sulla neve incontaminata. Tecnica ha creato anche la versione femminile: Zero G Guide W, con forma specifica da donna e gambetto più corto, ideale per le scialpiniste più sportive. L’avampiede rivestito in lana merino è un vero plus: accogliente, caldo e traspirante. Tutti i modelli sono preparati dai bootfitter grazie al sistema C.A.S. di Tecnica. Abbinato agli sci Zero G di Blizzard, lo scarpone Zero G di Tecnica è la scelta ideale per le lunghe giornate nel backcountry.

TECNICA MACH1

MACH1 130 LV_10169600P9ATotalmente personalizzabile, totalmente performante

Aprire le leve, infilare il piede, chiudere le leve: fatto! Quel che fino a poco tempo fa sembrava impossibile per uno scarpone appena uscito dalla fabbrica è stato reso possibile dagli specialisti di Tecnica. Mach1 non solo è uno scarpone che segue la naturale forma anatomica del piede, ma è disponibile in due versioni con plantari e volumi diversificati.

Gli specialisti del reparto R&S di Tecnica avevano dichiarato che il loro obiettivo era quello di fornire uno scarpone con un fit naturale fin dall’acquisto. E sapevano esattamente come fare per ottenerlo. Un sostegno perfetto per il tallone è il punto chiave quando si parla di uno sci dalla calzata perfetta per sciatori esplosivi. Per il fit di Mach1, Tecnica si è dunque impegnata a sviluppare una “forma anatomica” attenendosi scrupolosamente all’anatomia del piede umano. Le nuove tecnologie di produzione hanno permesso di avere un alloggiamento per il tallone particolarmente contenuto anche sull’esterno dello scafo. Questo permette al tallone di rimanere ben fermo all’interno dello scarpone. Mach1, inoltre, è disponibile in due versioni, Low Volume e Mid Volume, a garanzia di una calzata perfetta per ogni tipologia di piede. Le differenze sostanziali in questo caso sono date dalla larghezza della pianta, dall’altezza del collo del piede e dalla posizione del polpaccio. Mach1 è provvisto inoltre di molte altre caratteristiche personalizzabili ed è possibile adattare individualmente sia la scarpetta che lo scafo.

Scarpetta termoformabile

Con Mach1, Tecnica offre l’opportunità di tirar fuori il meglio da ogni sciatore, offrendo a tutti una calzata individuale grazie alla tecnologia “Custom Adaptive Shape”. La scarpetta è realizzata con uno speciale materiale termoformabile a microcellule, che si adatta alla forma del piede quando riscaldato a 80°. Riscaldando nuovamente il materiale in modo selettivo, è possibile modellarlo nuovamente ed espanderlo o comprimerlo mediante l’impiego di appositi attrezzi. Su richiesta, un rivenditore Tecnica appositamente formato può utilizzare il “C.A.S. Kit” per incollare degli speciali cuscinetti o limare attentamente il tessuto a microcellule con precisione millimetrica, al fine di aumentare o diminuire il volume all’interno dello scarpone.

Trattamento extra per lo scafo

Anche lo scafo e la suola sono stati progettati per essere ulteriormente modificati. Le tacchette visibili servono da guida per permettere una regolazione individuale di precisione. Anche dopo essere stata assottigliata, ritorta o riscaldata per brevi periodi, la struttura del materiale mantiene la sua totale stabilità.

Tutto questo non garantisce solo una sciata confortevole senza punti di pressione. Gli sciatori più potenti, in particolare, beneficeranno delle possibilità di modifica offerte da Mach1. Più è naturale l’assetto dello sciatore in posizione neutra, migliore sarà la trasmissione della forza dallo sciatore allo sci. Aprire le leve, infilare il piede, chiudere le leve… via, si parte!