Venerdi 9 Dicembre

Sci di fondo, si avvicina l’attesissima Ski Sprint Primiero Energia: l’appuntamento è per il 26 dicembre

Reuters

Il 26 dicembre a Fiera di Primiero (TN) torna la Ski Sprint Primiero Energia, prova unica del Campionato Italiano Team Sprint sotto la regia dell’U.S. Primiero

Fra le vie innevate e le luminarie del centro storico di Fiera di Primiero (TN) fra un mese si disputerà la Ski Sprint Primiero Energia, una gara che non ha bisogno di presentazioni e che porta a competere le stelle dello sci di fondo azzurro in una suggestiva sfida in notturna al cospetto delle Pale di San Martino.

Un evento sentitissimo per tutta la Valle di Primiero, con gli spettatori assiepati lungo le transenne del borgo trentino, pronti ad assistere ad una delle gare più divertenti e spettacolari dell’intero arco alpino.

L’anello di gara del 26 dicembre prossimo sarà il consueto di 400 metri, lo stesso che negli ultimi cinque anni ha visto primeggiare la coppia delle Fiemme Oro composta da Dietmar Nöckler e Federico Pellegrino, con l’organizzazione dell’evento ancora una volta affidata alla guida sapiente dell’U.S. Primiero capitanata da Luigi e Gianantonio Zanetel.

L’ufficialità della presenza degli atleti, a causa degli impegni degli stessi, avverrà per forza di cose solamente in prossimità della “data fatidica”, ma implicitamente hanno dato tutti il proprio assenso a partecipare alla manifestazione trentina, anche quest’anno prova unica di Campionato Italiano Team Sprint . I più elettrizzati saranno sicuramente Ilaria Debertolis e Giandomenico Salvadori, cresciuti proprio nel vivaio dell’U.S. Primiero ed ora presenze fisse dello sci di fondo di Coppa del Mondo, pronti a dare del filo da torcere agli avversari sulle strade di casa; ‘nemici’ in occasione della Ski Sprint Primiero Energia, amici e compagni di squadra durante tutto il resto della stagione.

Tanti i protagonisti che in tredici anni di storia sono passati da Fiera di Primiero, da Bruno Debertolis  allo stesso Gianantonio Zanetel, da Fulvio Valbusa a Pietro Piller Cottrer, e ancora Sabina Valbusa e Gabriella Paruzzi, Giorgio Di Centa, Cristian Zorzi, Veronica Cavallar, Loris Frasnelli, Magda Genuin, sino ai fondisti dei “giorni nostri” Federico Pellegrino e Dietmar Nöckler, pronti ad affermarsi definitivamente nel corso della stagione fondistica di Coppa del Mondo ormai alle porte.

A guidare la ‘truppa’ dei corpi militari in merito al numero di vittorie assolute nella competizione ci sono le Fiamme Oro, con ben dieci affermazioni dei propri atleti, un primato sviluppato negli ultimi anni per merito del duo Pellegrino-Nöckler e della beniamina Ilaria Debertolis. Seconda posizione assoluta per la Forestale, ora accorpata nell’Arma dei Carabinieri, i cui successi sono decisamente più “datati” rispetto alle Fiamme Oro, ma sono ben sette grazie alle prestazioni superlative del duo Paruzzi-Valbusa. In terza posizione assoluta troviamo invece le Fiamme Gialle con cinque successi totali, grazie soprattutto ad un super Cristian Zorzi. Seguono l’Esercito con quattro vittorie, mentre con tre prove degne di nota ci sono i Carabinieri, recentemente riscattatisi grazie a Debora Roncari e Gaia Vuerich. E nell’edizione 2016? Tra un mese il verdetto.