Domenica 11 Dicembre

Olimpiadi 2024 – Los Angeles trema con Trump, ‘L’Equipe’ dura: “per loro sarà un disastro”

LaPresse/REUTERS

Il quotidiano francese ‘L’Equipe’ ha paragonato l’elezione di Trump al Big One, il terremoto che secondo i sismologi un giorno devasterà la California

L’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca equivale, per la candidatura di Los Angeles ai Giochi Estivi del 2024, al Big One, il terremoto che, secondo i sismologi, un giorno devasterà la California. A sostenerlo, da osservatore interessato, è il quotidiano francese ‘L’Equipe‘, certo che l’elezione del candidato repubblicano viene vissuta come “un disastro” per il comitato organizzatore di Los Angeles e, di fatto, come una grande opportunità per Parigi, a dieci mesi dalla nomina, che avverrà il 13 settembre prossimo a Lima, della città che ospiterà le Olimpiadi del 2024.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

L’estate scorsa, il sindaco democratico di L.A., Eric Garcetti, aveva precisato che la candidatura non dipendeva dall’esito delle elezioni, però la campagna elettorale sostenuta da Trump, considerata a volte razzista, islamofoba, xenofoba e sessista, potrebbe aver tolto definitivamente a Los Angeles l’appoggio di parte del Cio, soprattutto delle sue componenti arabe e femminili, oltre ai membri dei paesi dell’America Latina. Una tesi, questa, sostenuta pochi giorni fa anche dal quotidiano americano ‘USA Today‘, che aveva intervistato, in forma anonima, quattro personalità vicine alla candidatura californiana, tutte certe che l’elezione di Trump sarebbe stata la fine delle speranze di organizzare di nuovo i Giochi Estivi.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Un disastro, dunque, paragonabile ad un ‘terremoto’ che pero’ non mette automaticamente in pole Parigi (in corsa c’è anche la capitale ungherese, Budapest, mentre Roma si è da poco ufficialmente ritirata). Da qui al 13 settembre 2017 può accadere ancora molto, sia in Francia (ad aprile ci saranno le elezioni presidenziali) che negli Stati Uniti. E Los Angeles potrebbe anche cambiare totalmente la sua strategia, prendendo le distanze da Washington e dal suo nuovo inquilino per brillare di ‘luce propria’. (ITALPRESS)