Lunedi 5 Dicembre

MotoGp, Valentino Rossi spiega: “motocross? Per noi è pericoloso, ecco perchè”

Valentino Rossi e la pericolosità del Motocross per un pilota di MotoGp

La stagione 2016 di MotoGp è ormai terminata. I campioni delle due ruote sono adesso ufficialmente in vacanza a ricaricare le energie in vista della nuova stagione che inizierà a marzo.

valentino rossi casco nero2Prima di riposarsi i piloti sono scesi in pista per le prime sessioni di test invernali, in modo tale da lasciare i primi feedback sulle moto per la nuova stagione. La Yamaha è stata in Malesia, a Sepang, mentre la Ducati a Jerez de la Frontera, dove però non hanno girato Dovizioso e Lorenzo.

Adesso ognuno si gode un po’ di relax a modo suo, c’è chi va sugli sci, chi in vacanza al caldo di Dubai, chi invece preferisce rimanere nel mondo delle due ruote, come Valentino Rossi, Marquez e Dovizioso.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Il campione di Tavullia infatti continua ad allenarsi al suo Ranch, in compagnia dei suoi ragazzi ma anche di ospiti speciali come i campioni di Flat Track Brad Baker e Sammy Halbert. Il Dottore ammette che però il motocross è pericoloso per piloti come lui: “mi piace molto il Motocross. Ma i piloti d’asfalto hanno spesso problemi con il motocross, perché per noi è molto pericoloso. Si deve nascere come un pilota di motocross e crescere con queste moto, perché non è un gioco da ragazzi mantenere il controllo della moto nei salti”,ha spiegato Rossi come riportato da Speedweek,com.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Ultimamente ho deciso di non esercitare Motocross. Al Ranch abbiamo un leggerissimo Motocross Track, ma durante la stagione mi alleno su una corretta pista di motocross professionale. Fisicamente e per la concentrazione della guida trasversale è molto esigente. E’ un buon allenamento per i piloti della MotoGP. Tuttavia, per un corridore su strada, è meglio allenarsi il più possibile su asfalto in giovane età”, ha aggiunto il Dottore.