Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp, le prime parole di Lorenzo sui test di Valencia con la Ducati

LaPresse/EFE

Jorge Lorenzo commenta per la prima volta i test IRTA di Valencia, facendo trapelare qualche dettaglio interessante

Sono andati in scena martedì e mercoledì i test IRTA di Valencia. Al circuito di Ricardo Tormo Jorge Lorenzo è salito per la prima volta su una Ducati, moto che guiderà dal prossimo anno. Al maiorchino, che fino a dicembre è ancora un pilota Yamaha, è stato imposto di non parlare dei due giorni di test con la Ducati ma in un evento svoltosi ieri a Madrid, Lorenzo ha fatto capire qualcosa. Si è infatti detto felice e soddisfatto.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

La cosa importante è che ho avuto due giorni di prove molto importanti per trarre le prime conclusioni”, ha dichiarato il maiorchino come riportato da tuttomotoriweb.com. Impossibile poi non parlare dell’ottima prestazione di Maverick Vinales alla sua prima volta in sella ad una Yamaha: “tutti sappiamo che Viñales è un grande pilota, ma la verità è che ha sorpreso la sua grande capacità di adattamento”.

“Non mi pento delle decisioni che ho fatto. Ho lasciato una grande squadra, una squadra campione, per raggiungere una grande squadra che da molto tempo non è campione e mi piacerebbe vincere in futuro”, ha aggiunto Lorenzo che poi parla della possibilità di avere Casey Stoner come team manager:

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

si, sarebbe interessante. Ci stiamo lavorando su, uno dei problemi di Casey è che lui si trova molto bene in Australia e per fare questo lavoro dovrebbe vivere in Italia, ma vedo Casey abbastanza convinto e cercheremo di trovare l’accordo. Il rapporto con Casey è eccellente. E’ un buon consigliere, una persona molto intelligente, molto attento, positivo. Sarebbe interessante”.

jorge lorenzo ducatiInfine un commento sul suo nuovo compagno di squadra, Dovizioso: “Andrea è una persona molto logica e di grande esperienza. Lui non fa errori e dà un sacco di informazioni. E’ intelligente e comunicare in questo momento è molto importante. E’ andato molto veloce a Valencia e penso che sia nel suo miglior momento professionale. Non sarà facile andare più veloce di lui”.