Martedi 6 Dicembre

Milanista sfegatato, “senza soldi né papà”: Juventus, ecco chi è davvero il baby Kean

LaPresse/Marco Alpozzi

Moise Kean, classe 2000, è il nuovo baby gioiello della Juventus: il fratello Giovanni racconta in esclusiva la loro infanzia

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, alla scoperta di baby Kean – Maglia bianconera addosso, colori rossoneri nel cuore. Nonostante da piccoli tifasse per l’Inter. “Da piccolo lui era tifoso interista grazie a Obafemi Martins. Lo imitava e inziava a fare le capriole. Poi è diventato milanista grazie a nostro zio, il fratello di mamma. Lui è un tifoso sfegatato del Milan e ogni volta che andavamo a trovarlo ci faceva vedere le partite del Milan. Anche nostra madre lo è…”, a raccontarsi ai microfoni di Juvenews.eu è Giovanni Kean, fratello di Moise. Il classe 2000 della Juventus che ha già esordito in campionato contro il Pescara ed in Champions League contro il Siviglia.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, alla scoperta di baby Kean – “Abbiamo avuto un’infanzia molto difficile. Nostra madre ci ha cresciuti da sola, senza nostro padre. Ora lui si è rifatto vivo da quando Moise è sulla bocca di tutti. So che ci vuole bene ma non è stato affatto un padre presente e nostra madre ci ha fatto anche da padre. Non avevamo soldi, è stato tutto molto difficile ma lei non ci ha mai fatto mancare niente, soprattutto il suo amore. Lei ci ha trasmesso valori importanti e se Moise ha la testa sulle spalle il merito è di nostra madre”, le parole del fratello di Moise Kean.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Juventus, alla scoperta di baby Kean – Che poi svela l’ammirazione del fratello per Mario Balotelli:noi guardavamo tutte le partite di Super Mario. Ne apprezzavamo la tecnica, il carattere, ci piaceva la sua sicurezza. Siamo cresciuti quando Mario era nel suo momento top. Moise non lo ha mai conosciuto ma sarebbe il suo più grande sogno. Moise nello spogliatoio della Juventus è stato accolto bene. E’ tanto amico di Sturaro, ma ha legato molto anche con Lemina e Marchisio”.