Sabato 10 Dicembre

Milan e Berlusconi, a tutto Van Basten: “Silvio ha il cuore rossoner. I cinesi? Ecco cosa penso”

Fabio Bucciarelli/Lapresse

In un’intervista alla Rai, Marco Van Basten ha parlato di Silvio Berlusconi e del suo Milan, svelando le sue considerazioni

La sua missione è chiara: “dare una mano al calcio perchè diventi più onesto, più giusto, più spettacolare. Cerchiamo insomma di renderlo più bello“. Marco Van Basten ha detto sì a Gianni Infantino, al punto da rinunciare al ruolo di vice Blind sulla panchina della nazionale olandese.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

L’ex attaccante collaborerà con la Fifa per “un calcio divertente, con giocatori che fanno la differenza. Il calcio di oggi ha bisogno di regole, di giustizia, di più onestà – sottolinea ai microfoni di Rai Sportnegli ultimi 15 minuti delle partite si perde troppo tempo e così il gioco non è più bello da vedere néper chi sta a casa, né per chi è allo stadio“. Il Var potrà “aiutare gli arbitri a prendere decisioni migliori” ma non basta, anche se, ammette l’ex Cigno di Utrecht, il calcio moderno rispetto a quello dei suoi tempi “è diventato più difficile. Gli spazi si sono ridotti e bisogna avere una tecnica incredibile per fare la differenza in certe partite, è difficile rompere il muro che si crea davanti alla porta e così il calcio non è tanto bello da vedere“. Van Basten è rimasto legato al Milan e a Silvio Berlusconi.

Piero Cruciatti / LaPresse

Piero Cruciatti / LaPresse

Sono stato al suo 80esimo compleanno, abbiamo parlato un po’, mi ha detto che i nostri tempi erano più divertenti, più belli ma il suo cuore resta rossonero. La nuova proprietà cinese? Non la conosco ma spero che il calcio a Milano resti di altissimo livello, la gente lo merita, vive per il calcio e questa è la forza e la bellezza dell’Italia“. Intanto la squadra di Montella è terza in campionato. “Sono già contento che sia più in alto rispetto alla scorsa stagione – chiosa Van Basten – Inter e Milan sono grandi società che devono rimanere al top del calcio italiano, sarebbe meglio per tutti”. (ITALPRESS)