Sabato 3 Dicembre

Mihajlovic al veleno: “Milan? Giocava male per colpa di Berlusconi! Su Galliani…”

LaPresse/Spada

Sinisa Mihajlovic torna a parlare della sua esperienza al Milan e punta ancora il dito contro il Presidente rossonero Silvio Berlusconi

LaPresse/Anastasi Davide

LaPresse/Anastasi Davide

Mihajlovic, veleno su Berlusconi – Retroscena di una stagione amara. Anzi, qualcosa in meno di una stagione. “L’unica cosa che mi rode è di non aver potuto giocare la finale di Coppa Italia, perché non c’è la controprova ma penso che con me in panchina potevamo andare in Europa e vincere la Coppa Italia visto come ha giocato la Juventus. Non mi è stato permesso, ma sono esperienze che fanno crescere”, a parlare della sua esperienza al Milan è Sinisa Mihajlovic. L’attuale allenatore del Torino, dopo aver svelato dei clamorosi retroscena sull’esordio di Donnarumma (CLICCA QUI per il servizio completo), torna ancora a parlare delle cose che non hanno funzionato in rossonero: “mi avevano preso perché ho personalità e io sono riuscito a ridare le regole e la cultura del lavoro che erano venute molto, molto meno. Tanto è vero che nessuno ha mai sgarrato, anche gli infortuni erano calati”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Mihajlovic, veleno su Berlusconi – Dente avvelenato contro Berlusconi, Mihajlovic punta il dito contro il Presidente rossonero: “il Milan è stato in un momento difficile sin dall’inizio per la verità. Noi abbiamo perso tempo le prime 7-8 partite perché abbiamo cercato di giocare con il 4-3-1-2, come voleva il presidente Berlusconi, anche se si capiva che non era il modulo adatto. Dopo la partita con il Napoli ho detto basta, vado di testa mia: se mi manda via, muoio con le mie idee. Tanto è vero che i risultati hanno cominciato a venire. Per me è stato un onore conoscere Berlusconi e lo ringrazierò sempre. Diciamo che per 29 anni su 30 è stato il più grande presidente di calcio di tutti i tempi. Il 30esimo è stato il mio anno. Diverso invece il pensiero su Galliani: “con me è stato un grande. Mi dispiace se andrà via dal Milan, spero non lasci il calcio. Gli voglio molto bene, lo considero un amico, mi ha aiutato tanto e da quel punto di vista è stato un anno meraviglioso. Il nostro rapporto continua”.