Sabato 3 Dicembre

Marchisio, anima Juventus: “Bonucci, infortunio, vecchia guardia: vi dico tutto”

LaPresse/Daniele Badolato

Dopo il gol al Siviglia, Marchisio torna a parlare del momento della Juventus e delle sue condizioni: parole da leader quelle del centrocampista bianconero

LaPresse/Francesca Soli

LaPresse/Francesca Soli

Juventus, parla Marchisio – Un gol a chiudere definitivamente il cerchio. Dopo l’infortunio al ginocchio che gli ha fatto saltare l’Europeo e la prima parte di questa stagione, la rete contro il Siviglia ha segnato la rinascita di Claudio Marchisio. E la certezza del passaggio agli ottavi per la Juventus. “La mia condizione atletica? posso dire che è normale che rispetto a prima dell’infortunio, dopo una partita di grande sforzo, ci vuole un po’ più di tempo per recuperare – dichiara il centrocampista bianconero ai microfoni di Sky Sport –. Io capitano? E’ una questione di personalità. Ci sono persone che sono portate ad essere leader per il gruppo, che si fanno sentire nello spogliatoio, altri che basta la presenza per far capire quanto siano fondamentali. Ovviamente per me è stato un onore”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Juventus, parla Marchisio – Parole da leader, Machisio prosegue: “la  vecchia guardia e il nucleo degli italiani è ancora importante, perchè trasmette che cosa significa essere da Juventus e che cosa significa indossare questa maglia ai giovani. Come è stato insegnato a me adesso io lo tramando ai giovani. Bonucci? La cosa che apprezzo di più di Leo è che sa impostare il gioco da dietro. È un giocatore completo e quando io sono marcato imposta lui il gioco è lo faceva anche quando era marcato Pirlo”. Segreti di una Juve prima in campionato e nel girone di Champions.