Venerdi 2 Dicembre

La sfida finale, il Mondiale e quelle strane tentazioni… telefoniche: Hamilton-Rosberg, a voi la scena!

LaPresse/Photo4

Inizia il week-end più importante della stagione, Rosberg ed Hamilton si giocano il titolo nel Gp di Abu Dhabi

Inizia il week-end più importante, al via lo scontro finale, su il sipario sulla sfida delle sfide. Nico Rosberg da un lato e Lewis Hamilton dall’altro, solo uno ne uscirà vincitore.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

La pista di Abu Dhabi come palcoscenico, 12 punti come arma a favore del tedesco, a cui basterà limitare i danni per prendersi per la prima volta il titolo. La sfida è iniziata già ieri in conferenza stampa, uno accanto all’altro con i media a far da… spettatori. Domande ficcanti, sguardi decisi e parole ambigue, utili a rendere ancora più entusiasmante un match che terrà con il fiato sospeso l’intero pianeta. Dubbi, incertezze e insinuazioni sono ormai alle spalle, anche se rimangono ben presenti nella mente di Hamilton, deciso a rivelare tutte le sue perplessità tra un po’ di anni: “dovrete comprare il libro che scriverò tra 10 anni per sapere esattamente cos’è successo. Sarà interessante leggerlo”

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Intanto bisogna concentrarsi sul presente, su quei 55 giri che segneranno il confine tra la gloria e la polvere, tra il successo e la delusione. Nessuno stratagemma particolare, solo piede sul gas e via verso il traguardo. E se il telefono di Horner dovesse squillare? Niente paura, non si tratterà di Hamilton intento a chiedere aiuti alla Red Bull: “ho avuto la tentazione di chiamare Christian come Toto aveva fatto l’altra settimana (con papà Verstappen; n.d.r.)! Scherzi a parte, se mi ritroverò in testa cercherò di scappar via: vincere con 30” di distacco come avrei fatto a Interlagos senza bandiere rosse costituisce un brutto colpo per il rivale e vale più che frenarlo“. La sfida è pronta a partire, il duello sta per cominciare: tra due giorni ne resterà uno solo!