Sabato 10 Dicembre

Kroos, pure tu?! “Muller-San Marino? Io la penso così”

LaPresse/Xinhua

Toni Kroos, centrocampista tedesco della Germania e del Real Madrid, si schiera dalla parte di Muller nella polemica contro San Marino

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Muller-San Marino, il pensiero di Kroos – Il Real Madrid potrebbe essere l’ultima squadra di Toni Kroos. Intervistato da “Kicker”, il centrocampista tedesco sottolinea che “a fine contratto avrò 32 anni e non prevedo di giocare fino a 38-39. A 32 anni uno ha dato i suoi migliori anni al calcio e, fisicamente parlando,è una buona età per smettere. Ma non voglio decidere adesso cosa farò da qui a sei anni“, aggiunge Kroos, oggi 26enne, che se dovesse lasciare il Real “di sicuro ci sono squadre che non potrei difendere: non posso pensare di andare al Barcellona, e’ una questione di rispetto verso la tradizione e i tifosi. Il Real e’ il mio club, negli ultimi due anni e mezzo sono cresciuto dal punto di vista sportivo e personale. Sin dal primo giorno ho avuto un feedback positivo da compagni di squadra, tifosi e dirigenti. Quando ho rinnovato fino al 2022 e’ stato per ringraziare il club per quello che mi ha dato e per lanciare anche un segnale alle altre squadre che avrebbero voluto ingaggiarmi. Il rinnovo e’ un modo di dare fiducia alla squadra, continueremo a essere una formazione favolosa per almeno altri 2-3 anni”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Muller-San Marino, il pensiero di Kroos – In nazionale si porterebbe “Modric e Bale” ma gli va benissimo giocare con Muller, che sostiene nella polemica che si e’ scatenata dopo la gara con San Marino. “Uefa e Fifa dovrebbero riconsiderare partite come quella, i gruppi potrebbero essere ridotti e magari far giocare dei turni preliminari fra le nazionali piu’ piccole. Il calendario e’ saturo, anche a livello di club: non si puo’ giocare ancora una Coppa del Re con gare d’andata e ritorno”. Infine una battuta sul Lipsia capolista in Bundesliga: “non ci sono stelle da 30-40 milioni di euro e sono sicuro che la gente per strada non riconoscerebbe mai alcuni giocatori”. (ITALPRESS)