Sabato 3 Dicembre

ItalRugby, il ct O’Shea presenta la sfida con gli All Blacks: “non conta il risultato ma la prestazione”

LaPresse/Vincenzo Livieri

Sabato all’Olimpico va in scena la sfida tra Italia e All Blacks, il ct azzurro O’Shea analizza questo difficile confronto

Conor O’Shea, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che sabato 12 novembre allo Stadio Olimpico di Roma affronterà la Nuova Zelanda nel primo dei tre Crédit Agricole Cariparma Test Match di novembre 2016.

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Un test fondamentale per capire il livello di questa selezione azzurra che punta a migliorare i risultati degli anni scorsi: “penso che sia difficile la sfida che ci aspetta – ha esordito il ct – e la vittoria irlandese non è un caso, è figlia di un percorso di 6-7 anni. Oggi noi non abbiamo molta fiducia e questo non cambierà in una notte, sarebbe molto facile per me dire che cambieremo la nostra storia e lavoreremo duro, ma dietro a questo c’à molto lavoro che deve essere fatto. So che abbiamo molto potenziale in Italia, dobbiamo rompere il cerchio di critiche che ci circonda, diventare più consapevoli delle nostre qualità.

italrugbyNon è il risultato che conta, ma la prestazione. In questo senso la partita di sabato è perfetta per noi. Nei prossimi tre, quattro anni giocheremo per cambiare il rugby in Italia, è il nostro lavoro. La nostra formazione non è per nulla sperimentale, è la migliore possibile. Noi abbiamo in questo gruppo atleti di esperienza come Sergio, Cittadini, Ghiraldini che vogliono fare lo stesso, lasciare un segno per chi verrà dopo di loro. La vittoria irlandese non è un successo nel mezzo del nulla, ma un percorso che viene da lontano e quello che dobbiamo fare noi e’ lavorare per contribuire a cambiare il rugby italiano“.