Sabato 10 Dicembre

Icardi boom: “Inter, Pioli, Batistuta, Suning e il Pallone d’Oro: le mie verità”

LaPresse/Spada

Mauro Icardi si racconta nel giorno del derby tra Milan e Inter: tanti i temi affrontati dall’attaccante nerazzurro

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Inter, parla Icardi – “Questo è il mio club, esserne il capitano è una grande responsabilità e un grande onore. Con l’arrivo di Suning ci sono stati grandi cambiamenti. Ma sappiamo come in estate Suning abbia permesso al nostro club di fare un sacco di investimenti, in modo da poter assicurare all’Inter di poter tornare a livelli superiori. Pioli? Dal primo giorno ha voluto collaborare con noi, ha molta familiarità con il calcio italiano. Sappiamo che è un ottimo allenatore, aveva anche fatto molto bene alla Lazio e con noi ha voglia di ripetere l’ottima esperienza precedente”, parole e musica di Mauro Icardi.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Inter, parla Icardi – L’attaccante dell’Inter affronta diversi temi nel corso di un’intervista rilasciata a Tencent Sport: “se il numero 9 mi ha dato pressione? Di certo mi ha dato un sacco di motivazioni, ma non pressione. Essere capitano e portare la numero nove per me è un grande incoraggiamento. Il Pallone d’oro è certamente un sogno per tutti i giocatori, un obiettivo. Ma ora ci sono tanti ottimi giocatori che hanno la stessa aspirazione. La convocazione con l’Argentina è sicuramente uno degli obiettivi per cui sto lavorando sodo. . Sin da quando ho iniziato a giocare a calcio Batistuta è stato il mio idolo. Voglio imparare da lui, ho visto un sacco di suoi video con le sue partite. Di certo però non ci possono mai essere giocatori uguali tra loro, ognuno è diverso dall’altro. Ma per quanto mi riguarda, essere paragonato a lui che è stato il miglior attaccante argentino è un grande onore”.