Lunedi 5 Dicembre

Golf, che emozione per Paratore e Molinari: i due azzurri al DP World Tour Championship

LaPresse/PA

Tutto pronto per il prestigioso torneo che chiude l’European Tour, Paratore e Molinari pronti per il DP World Tour Championship

Francesco Molinari e Renato Paratore chiudono la loro ottima stagione partecipando al DP World Tour Championship (17-20 novembre), torneo conclusivo dell’European Tour riservato ai primi 60 classificati nell’ordine di merito, che avrà luogo allo Jumeirah Golf Estates di Dubai. La loro presenza alla gara più ambita della stagione, in cui si confronta l’élite europea fatta anche di campioni di livello mondiale, è un segnale forte che da il golf italiano attraverso il suo giocatore attuale più rappresentativo e il più giovane, che possiede mezzi tecnici e agonistici notevoli. Peraltro Paratore, vent’anni a dicembre, sarà anche il più giovane in campo, avendo un anno in meno di altri due emergenti, il coreano Jeunghun Wang e il cinese Haotong Li.

renato paratoreFrancesco Molinari, 24° nella money list, proverà a entrare tra i primi quindici e per riuscire nell’impresa avrà bisogno di classificarsi entro i primi cinque. Renato Paratore avrà l’obiettivo di ben figurare e potrà farlo anche dall’alto di una certa serenità d’animo, liberato da traguardi impellenti. Tanti i motivi del torneo, in primis l’assegnazione del primato nella money list, con una lotta a quattro tra lo svedese Henrik Stenson, l’inglese Danny Willett, l’altro svedese Alex Noren e il nordirlandese Rory McIlroy. Poi il montepremi di otto milioni di dollari (E 7.450.000 con prima moneta di 1.333.300 euro) e il bonus di altri cinque milioni di dollari da assegnare ai primi dell’ordine di merito. Infine il tentativo di Rory McIlroy di riprendersi con un successo la leadership mondiale, lasciata nel settembre del 2015 dopo 95 settimane di regno.

Negli ultimi quattro anni il nordirlandese e Stenson sono stati i mattatori dell’evento e della money list. Nelle vittorie a Dubai sono in parità con lo svedese a segno nel 2013 e nel 2014 e con McIlroy nel 2012 e nel 2015, però quest’ultimo si è imposto tre volte nell’ordine di merito (2012-2014-2015) contro una di Stenson (2013).

Questa volta sembra prelusa a McIlroy la conferma al vertice continentale, poiché il ritardo è notevole da Stenson (E 4.000.563 contro E 2.824.149), ma il numero due mondiale ha davanti, come detto, anche Danny Willett (E 3.700.888) e Alex Noren (E 3.367.136). In sostanza per confermare la supremazia in Europa dovrebbe vincere con Stenson classificato oltre il 12° posto, Noren oltre il secondo e Willett oltre il terzo. Quanto a Stenson, a parte McIlroy, può perdere la leadership se s’impone Willett, contro cui non avrebbe difesa, mentre gli basterebbe giungere secondo con un successo di Noren.