Martedi 6 Dicembre

F1, Vettel crede nella Ferrari: “prima o poi vincerò il Mondiale. La penalità? Altri hanno fatto peggio”

LaPresse/PA

Giorno di conferenza stampa a Interlagos, domani parte il week-end che conduce al Gp del Brasile: ecco le parole di Sebastian Vettel

Due settimane sono già trascorse, per il circus della Formula 1 è già tempo di rimettersi in moto per il Gp del Brasile, penultimo appuntamento di una stagione davvero entusiasmante.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

La sfida tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton entra nel vivo, 19 punti separano i due piloti della Mercedes, con il tedesco che potrebbe già laurearsi campione a San Paolo vincendo la gara. Alle loro spalle, Ricciardo è già sicuro del terzo posto, ma lotterà comunque per tenere dietro le due Ferrari, scottate dal finale messicano. Tutti i protagonisti sono oggi in conferenza stampa, insieme a loro si fa spazio Charlie Whiting, chiamato per chiarire quanto accaduto due settimane fa con Vettel e Verstappen. Sarà bellissimo vedere tante bandiere brasiliane per Felipe e per la sua straordinaria carriera” commenta Sebastian Vettel.Io penso che questo posto sia sempre stato particolare, regalandoci belle gare. Nel 2008 e nel 2012 sono stati due Gp fantastici e son sicuro che anche domenica sarà cosi.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Lottiamo per la vittoria e vedremo come sono le condizioni in pista. Vincerò un campionato con la Ferrari, sono ottimista e quando ho scelto di cambiare l’ho fatto sapendo che ci avrei messo del tempo prima di vincere. L’obiettivo finale è quello di poter lottare per il Mondiale, abbiamo fatto tanti cambiamenti e questo ci rende fiduciosi per il futuro. Contatto con Ricciardo? Non sono d’accordo con la decisione presa, io avevo già difeso la mia posizione e penso che in questo caso Daniel avesse spazio per passare. Non ho cambiato direzione, altri piloti hanno fatto la stessa cosa in altre curve ma va bene così. Non pesno sia stato pericoloso ma accetto la decisione. Mi dispiace per quello che ho detto a Whiting, mi ha fregato l’adrenalina della gara. E’ ovvio che mi sono scusato con Charlie, sono contento che abbia accettato le mie scuse. Farò la mia gara senza pensare al duello tra Nico e Lewis, riconosco il loro lavoro che hanno fatto durante la stagione ma non mi tirerò indietro se avrò la possibilità di vincere“.